Home Personale Bergamo chiede 120 docenti di Religione cattolica

Bergamo chiede 120 docenti di Religione cattolica

CONDIVIDI

Il sottosegretario all’Istruzione si sarebbe impegnato formalmente a far avanzare l’iter per assumere in ruolo i docenti di religione cattolica dopo 13 anni di attesa.

Lo scrive bergamonews.it  che fa riferimento pure a una delegazione dello Snadir (sindacato nazionale autonomo degli insegnanti di religione), guidata dal segretario nazionale Orazio Ruscica, che  ha incontrato il sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo e Giuseppe Zambito, membro della segreteria del ministro all’Istruzione Valeria Fedeli: sul tavolo, in particolare, è finito il tema assunzioni per il quale il sottosegretario De Filippo ha mostrato notevole sensibilità, annunciando l’istituzione a breve di un tavolo di lavoro che affronti la procedura assunzionale dei docenti di religione.

Icotea

 

{loadposition deleghe-107}

 

I docenti di religione, secondo quanto scrive il giornale,  hanno avanzato tre richieste: procedere alla stabilizzazione degli incaricati annuali di religione che hanno 36 mesi di servizio attraverso una procedura concorsuale semplificata, autorizzare lo scorrimento della graduatoria di merito dell’unico concorso per l’ammissione in ruolo assicurando ai docenti la possibilità essere inseriti in Regioni o Diocesi di appartenenza, bandire con urgenza un nuovo concorso che valorizzi i titoli culturali e il servizio prestato. Si tratterebbe per la sola regione Lombardia un coinvolgimento di 3.606 cattedre e 4.200 docenti.

In base a una legge del 2003, di queste 3606 cattedre almeno il 70% deve essere coperto da docenti di ruolo. In ballo con nuove assunzioni ci sarebbero altre mille cattedre, tra le 100 e le 150 per la provincia di Bergamo. Per coprirle servirebbero almeno 120 nuovi docenti di ruolo”.