Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni Bimbo abruzzese dimenticato nello scuolabus, tragedia sfiorata

Bimbo abruzzese dimenticato nello scuolabus, tragedia sfiorata

CONDIVIDI
  • Credion

Lo hanno dimenticato sullo scuolabus per tutta la mattina. Fortunatamente non è accaduto nulla ma la superficialità poteva tradursi in una tragedia. È quanto accaduto la scorsa settimana ad un bimbo di quattro anni di Montorio Al Vomano, in provincia di Teramo. Secondo quanto ricostruito, l’alunno sarebbe salito sul pulmino alle 9,30 per essere portato all’asilo. Ma è probabile che una volta sopra il mezzo si fosse assopito e per questo non sarebbe sceso alla sua scuola. Il punto è che però nessuno lo avrebbe chiamato o cercato.
Sul bus erano presenti l’autista e un’assistente sociale della cooperativa cui il Comune aveva affidato il servizio. Il pulmino sarebbe stato poi parcheggiato nei pressi del campo sportivo della cittadina, e lì gli addetti si sarebbero accorti della presenza del bimbo solo dopo quattro ore, una volta saliti sul bus per andare a riprendere i bambini all’uscita da scuola.
Il bimbo era sudato e sotto shock, possiamo immaginare cosa siano state per lui quelle quattro ore – ha affermatoRoberto Antenucci, legale della famiglia del bambino– e fortunatamente la vicenda non si è conclusa in maniera drammatica solo perché le temperature non sono quelle estive“.
In un primo momento si era detto che il bimbo era stato accompagnato per sbaglio in un altro asilo, ma poi con controlli incrociati è stato visto che non era così e gli operatori hanno ammesso“, ha proseguito l’avvocato. Al momento il bimbo si trova in cura presso una psicologa “e ovviamente non va all’asilo”, ha aggiunto il legale, mentre i genitori “sono molto colpiti per la vicenda”. Il sindaco di Montorio Alessandro Di Giambattista ha intanto avviato un’inchiesta amministrativa per far luce su quanto accaduto.
I genitori del piccolo rimasto nello scuolabus per quattro hanno invece presentato un esposto presso la Procura di Teramo: per il legale della famigliaora sarà la Procura a valutare.