Home Archivio storico 1998-2013 Riforme “Cambiamo la scuola, insieme”: rivoluzione dal basso

“Cambiamo la scuola, insieme”: rivoluzione dal basso

CONDIVIDI
  • Credion

Ad essere innamorati della scuola è un gruppo di adolescenti e giovani che dal 2008 si incontrano settimanalmente all’ ASAI (Associazione di Animazione Interculturale) nel quartiere multietnico di San Salvario a Torino. Nel corso di questi incontri hanno scritto pure un libro: “E allora che ci faccio nel mare?”, dove esprimono la loro idea di scuola e del rapporto coi professori. E proprio dal questa esperienza nasce l’ambizioso progetto: “Cambiamo la scuola, insieme”, una sorta di “rivoluzione” dal basso per cambiare.
Come? Attraverso la lettura e la discussione del libro, l’impegno in azioni quotidiane, il racconto delle singole esperienze di studenti e insegnanti, per rispondere alla domanda: “noi cosa possiamo fare per cambiare la scuola?”.
Per questo, per l’amore che hanno per la scuola, il 14 febbraio 2013 alle ore 16,00 presso Fandango Incontro (Via dei Prefetti 22, Roma) avverrà l’inaugurazione di questa particolare campagna, con una conferenza stampa organizzata a Roma in collaborazione con il CIDI (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti) e Zainet. Parteciperanno alla conferenza stampa: Giuseppe Bagni, Domenico Chiesa, Vinicio Ongini e i Giovani reporter di Zainet.
In contemporanea saranno attivate altre azioni nelle scuole come quella di chiedere, proprio il 14 febbraio, di completare la frase “ La scuola che amo… ”, per poi raccoglierle tutte e pubblicate sul www.asai.it/cambiamolascuola
L’intenzione è quella di coinvolgere migliaia di studenti da Torino a Gela e ritrovare il gusto di stare a scuola, imparando veramente.
Per chi fosse interessato dell’iniziativa: [email protected] oppure al numero 3488961531