Home Alunni Concorso “Il pianeta che vorrei. Nuovo cibo per un pianeta nuovo”

Concorso “Il pianeta che vorrei. Nuovo cibo per un pianeta nuovo”

CONDIVIDI

Anche quest’anno, Associazione Progetto Marzotto chiama gli studenti delle Scuole del Comprensorio Scolastico Vicentino a riflettere su un tema di massima importanza per il proprio futuro e per quello delle generazioni a venire.

Per la quinta edizione del Concorso, che coinvolge l’anno scolastico 2014-2015, l’associazione propone come argomento “IL PIANETA CHE VORREI. NUOVO CIBO PER UN PIANETA NUOVO”con l’obiettivo di stimolare una riflessione sul tema scelto da Expo Milano 2015: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Una tradizione che si rinnova per il quinto anno consecutivo e che ha visto la partecipazione di 2.783 candidati in quattro anni per un totale di 178.000 Euro destinati in borse di studio. Un’opportunità rivolta alle giovani generazioni del futuro, invitate negli anni precedenti a esprimere la propria visione su altrettanti temi centrali quali il nostro Paese (nell’anno scolastico 2010/11 con il Concorso L’ITALIA CHE VORREI, realizzato in collaborazione con Comitato Italia 150 e patrocinato da Italia 150), l’ambiente (nel 2011/12 con il Concorso L’AMBIENTE CHE VORREI), il lavoro (nel 2012/13 con il Concorso IL LAVORO CHE VORREI), la Tecnologia (nell’anno scolastico 2013/2014 con il Concorso LA TECNOLOGIA CHE VORREI) nelle rispettive diverse declinazioni.

Icotea

Il problema del nutrimento dell’uomo e della Terra è al centro del dialogo sulle principali sfide dell’umanità tra i protagonisti della comunità internazionale e sarà l’argomento cardine di Expo Milano 2015. Per la quinta edizione del Concorso, Associazione Progetto Marzotto – da sempre impegnata nel creare un nuovo tessuto sociale, supportando la formazione, l’innovazione e sostenendo la nascita di nuova impresa – ha dunque voluto focalizzare l’attenzione su questo tema di grande attualità che assume un ruolo sempre più centrale per le nostre vite e per quelle delle generazioni future.

Gli studenti sono chiamati a confrontarsi sui temi della nutrizione dell’uomo e della Terra interrogandosi su diverse questioni quali: la possibilità di garantire cibo sano e acqua per tutta la popolazione mondiale, come poter aumentare la sicurezza alimentare sul nostro Pianeta, se sviluppo e progresso garantiscono la nostra sicurezza alimentare, la possibilità di proporre nuove soluzioni e nuove prospettive in grado di tutelare la biodiversità del nostro Pianeta, il modo in cui cibo e salute sono in relazione negli stili di vita, nelle attività motorie e nel benessere delle persone e infine la riflessione sull’evoluzione della catena alimentare, dall’uomo primitivo all’uomo del 2050, cosa mangiare, come produrre.

Ai trenta migliori lavori verranno riconosciute 27 borse di studio e 3 Premi Speciali.
Le borse di studio saranno suddivise tra scuole primarie (9 borse di studio da 750 euro), scuole secondarie di primo grado (9 borse di studio da 1.000 euro), scuole secondarie di secondo grado e centri di formazione professionale (9 borse di studio da 1500 euro).

Saranno inoltre istituiti 3 Premi Speciali del valore di 5.000 euro ciascuno, destinati rispettivamente alla scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo e centri di formazione professionale, che si aggiudicheranno il maggior numero di borse di studio.  La classe dello studente (o del gruppo) che secondo la giuria avrà realizzato il lavoro individuale o di gruppo con la più alta capacità di fornire una risposata concreta al problema del nutrimento del Pianeta si aggiudicherà una visita al Padiglione Italia Expo 2015.

Un racconto digitale costituito dagli elaborati dei partecipanti al concorso verrà inoltre proiettato presso il Palazzo Italia all’interno della manifestazione Expo Milano 2015 il giorno 4 ottobre 2015.

Il bando, con tutti i dettagli e la scheda di adesione, è disponibile e scaricabile sul sito: http://www.progettomarzotto.org/pianetachevorrei con possibilità di partecipare fino al 30 maggio 2015, data di chiusura del bando.