Home Formazione iniziale Concorso ordinario entro fine anno. Come si svolgerà?

Concorso ordinario entro fine anno. Come si svolgerà?

CONDIVIDI

Non solo assunzioni, ma anche un nuovo concorso per reclutare nuovi docenti già a fine anno. Una misura che trova la netta contrarietà della Flc Cgil: “Bandire un concorso già nel 2015, senza aver svuotato completamente le graduatorie ad esaurimento e senza aver dato risposta agli attuali abilitati, è un fatto estremamente grave”.

Cosa prevede esattamente il DdL 2994 -B approvato in via definitiva dalla Camera? I commi da 108 a 113 del provvedimento esplicano cosa è previsto per il nuovo concorso.

In particolare si prevede che entro il 1° dicembre 2015 sia bandito un concorso ordinario per la copertura di tutti i posti vacanti e disponibili nell’organico dell’autonomia (organico di diritto e organico aggiuntivo) nel triennio 2016/2017-2017/2018-2018/2019.

ICOTEA_19_dentro articolo

Esso sarà bandito per tutti gli insegnamenti per i quali esiste disponibilità di posti nelle singole regioni e distintamente per il sostegno (non sarà più previsto l’elenco di sostegno tratto dalle graduatorie di materie).
Per i posti comuni potranno partecipare solo i docenti abilitati e a quello per il sostegno solo i docenti specializzati. Non potranno partecipare i docenti già di ruolo nella scuola statale.

 

Saranno valutabili tra i titoli:

 

l’abilitazione conseguita con i percorsi ordinari (SSIS, COBASLID, DM 137, Scienze della formazione primaria, DM 249/10, TFA)
il servizio prestato a tempo determinato, per un periodo continuativo non inferiore a centottanta giorni nelle scuole statali.

Le graduatorie di merito saranno costituite da un numero di candidati pari ai posti messi a concorso maggiorati del 10%.

Le assunzioni avverranno con le regole dell’art. 399 del Testo unico (50% e 50%) se sono ancora presenti le corrispondenti graduatorie ad esaurimento.

 

Gli assunti potranno scegliere, in base alla posizione occupata nella graduatoria e ai posti disponibili, un ambito territoriale della Regione per la quale hanno partecipato al concorso. Per la partecipazione al concorso è dovuto un diritto di segreteria il cui ammontare è stabilito nei relativi bandi.

 

 Le schede di lettura della Flc Cgil

CONDIVIDI