Home Attualità Concorso straordinario per il ruolo, con la sua ripresa si teme per...

Concorso straordinario per il ruolo, con la sua ripresa si teme per i contagi

CONDIVIDI
  • Credion

In tutto il nostro Paese si sta risvegliando l’aumento dei contagi con la rilevazione delle numerose varianti. La ripresa del concorso straordianrio per il ruolo, che era stata interrotta il 5 novembre 2020, sta preoccupando non poco migliaia di docenti chiamati a svolgere la prova scritta a partire dal prossimo 15 febbraio.

Migliaia di docenti in viaggio per il concorso

Sono moltissimi i docenti che, pur insegnando nelle scuole del sud, si trovano a svolgere il concorso nelle regioni del nord dove ci sono più posti per il ruolo. La preoccupazione del viaggio di andata, dello svolgimento della prova concorsuale e del viaggio di ritorno, è molto concreta per i candidati alla prova scritta, visto l’aumento dei contagi che si sta rilevando in questi ultimi giorni.

Icotea

Esiste anche l’incognita, ancora non resa ufficiale, che tutti i candidati dovrebbero obbligatoriamente presentarsi con la certificazione del tampone fatto qualche giorno prima dello svolgimento della prova.

Pittoni (Lega), sospendere il concorso straordinario

Secondo il responsabile Scuola della Lega e vice presidente della commissione Cultura a palazzo Madama, .”Il perdurare della crisi pandemica sconsiglia la ripresa delle prove del concorso straordinario, annunciata dal ministro Azzolina per il prossimo 15 febbraio. Costringere migliaia di candidati a spostarsi da una regione all’altra anche per centinaia di chilometri, può contribuire non poco a un’impennata di contagi da Covid-19 e sue varianti. Senza contare le difficoltà legate al tampone obbligatorio a ridosso della prova. Chiediamo quindi al ministro dimissionario, ancora in carica per l’ordinaria amministrazione, un’ulteriore sospensiva delle prove concorsuali finché non sarà possibile affrontarle in sicurezza e tranquillità”.