Home Personale Confsal, tra blocco rinnovi e turn over, gli statali perdono 5mila euro...

Confsal, tra blocco rinnovi e turn over, gli statali perdono 5mila euro anno a testa

CONDIVIDI
  • Credion

“Il rapporto fra l’ammontare delle retribuzioni, in diminuzione, la spesa complessiva, in aumento, e gli investimenti pubblici, in diminuzione, costituisce un inaccettabile scandalo – denuncia il segretario generale – a danno dei pubblici dipendenti e della qualità e della quantità dei servizi pubblici erogati”.

Ma, avverte Nigi, “la grave situazione del pubblico impiego non sembra costituire una priorità del governo che tra l’altro continua a classificare ‘riforma’ incentrata sul fattore umano e professionale il decreto legge ‘Madia’ del 24 giugno 2014, n° 90”, che, sottolinea, “non avrà alcun effetto concreto per il miglioramento della pubblica amministrazione e penalizzerà, invece, ulteriormente i pubblici dipendenti”.

“Il governo Renzi, fin dal suo insediamento, non ha tenuto in alcuna considerazione – incalza Nigi – il profondo disagio dei lavoratori del pubblico impiego maturato in anni di ricorrenti penalizzazioni, derivanti da tagli lineari e irrazionali”.

Icotea

La Confsal auspica che il governo “apra immediatamente i negoziati per il rinnovo dei contratti trovando previamente con la legge di stabilità un’adeguata copertura finanziaria, anche attraverso l’eliminazione di sprechi facilmente individuabili, come le consulenze esterne, e trovi le risorse sufficienti per riconoscere gli scatti di anzianità e le progressioni di carriera del personale pubblico interessato, come quello dei comparti scuola, pubblica sicurezza e protezione civile”.

“Ribadiamo che la copertura finanziaria per le due operazioni deve obbligatoriamente trovare la soluzione in sede di legge di stabilità 2015”.