Home Alunni Consigli di classe: 10 idee per la scuola

Consigli di classe: 10 idee per la scuola

CONDIVIDI
  • Credion

“Consigli di classe. 10 buone idee per la scuola”, con una testimonianza di Carlo Verdone, Laurana Editore, di Alessandro Buttitta (classe 1987 di Bagheria) si impelaga tra i meandri di quella che secondo lui potrebbe essere la “buona scuola”, solo se si mettessero in pratica gli insegnamenti della letteratura, ma anche del cinema, dei fumetti, della musica e delle serie tv come i Simpson. E il titolo non è casuale, perché i consigli di classe sono il momento del confronto e degli scontri spesso accesi fra docenti e la rappresentanza di alunni e genitori.

10 consigli

10 “consigli” insomma per loro attraverso i punti di vista che dai variegati personaggi creati dall’immaginario si possono trarre, e con più domande che risposte, ma da cui attingere le esperienze e gli insegnamenti. E allora, che lezione si nasconde dietro la barba del preside Silente di Harry Potter o le eccentricità del Prof Keating dell’ Attimo fuggente o ancora dietro la bonomia di Bottini nel “Cuore” di De Amicis? Ma anche nelle canzoni di Venditti e i personaggi rappresentati da Silvio Orlando al cinema. Una idea originale per riflettere sulla scuola e sulla sua funzione, rivolgendosi a chi la scuola la vive davvero.

Icotea

Carlo Verdone

Scrive Carlo Verdone sul libro: “Quando un insegnante ti porta ad amare la materia che sta insegnando, lui sta compiendo una grande, immensa missione. Ti sta educando al bello, alla grande cultura, alla curiosità. Molti degli insegnanti che ho avuto, e ci metto anche mio padre Mario, sono stati autentici “sacerdoti del bello”. A loro devo dire ancora oggi grazie”.

L’autore

Buttitta, analizza quindi il mondo scolastico, mettendo nero su bianco i suoi difetti, le sue responsabilità, i suoi pregi e le sue contraddizioni in chiave fresca e innovativa.
La scelta dunque fatta dal giovane insegnante di materie letterarie Buttitta, permette di comunicare anche ai più giovani, grazie a figure che essi riconoscono e sentono vicine, punti di vista differenti capaci di arricchire la riflessione sul grande problema della scuola e della trasmissione della cultura e del sapere.