Home Attualità Coronavirus e scioperi: spero si rinunci alle azioni di protesta

Coronavirus e scioperi: spero si rinunci alle azioni di protesta

CONDIVIDI

Penso ai benzinai.

Ma c’è un piccolo, sindacato della scuola, USB, cioè un sindacato di base, così si autodefinisce, che pare irriducibile.

Sarebbe una bella cosa se, invece, rinunciasse a questa azione di protesta.

ICOTEA_19_dentro articolo

I sindacati, benintesi, sono fondamentali in democrazia.

Ma c’è tempo e c’è tempo.

Credo che un sindacato che parli di sciopero in questi momenti è come se dicesse che ha perso ogni contatto con la realtà.

Ovvio, tutti facciamo, quelli che sono ancora al lavoro, oltre e altro rispetto ai contratti nazionali.

Ma, lo ripeto, c’è tempo e c’è tempo.

Pensando ai nostri medici e a tutti i sanitari, ognuno è chiamato a dare il massimo, a fare la propria parte.

Dedizione, senso civico e coesione sociale.

Il bisogno di salute, bisogno primario, rende incomprensibile ogni altra considerazione.

Nel mondo della scuola, è sempre bene ripetere una sana riconoscenza, per tutti i docenti, presidi, personale che stanno garantendo, con le difficoltà che conosciamo, il massimo di formazione possibile in questo momento.

Ed i ragazzi, con i loro genitori, l’hanno ben compreso, viste le tante e tante mail che ricevo ogni giorno.

Ovvio, la didattica a distanza non è la didattica in presenza, che è insostituibile. Ma questo è il momento che ci è dato di vivere.

Infine, che cosa chiediamo a chi ha responsabilità di sistema?

Non polemiche, non speculazioni, ma pacatezza, sobrietà, intelligenza, lungimiranza.

CONDIVIDI