Diventare insegnante in una scuola italiana all’estero, il meglio delle nostre interviste

CONDIVIDI
  • Credion

La Tecnica della Scuola in questi giorni ripropone il meglio delle interviste dell’anno scolastico 2020-2021.

Insegnare in una scuola italiana all’estero è certamente una esperienza interessante (e non solo per il migliore trattamento economico che ne deriva).

C’è infatti la possibilità di confrontarsi con altre realtà e di conoscere modelli organizzativi diversi.
In questo video parliamo con Luisella Vigliecca, insegnante di scuola primaria che dal gennaio 2020 insegna nella scuola europea di Bruxelles dove sono presenti scolaresche di famiglie provenienti da diversi Paesi europei.

Sono molte le cose che stupiscono ascoltando il suo racconto; per esempio la continuità didattica non esiste quasi e i bambini possono trascorrere liberamente il tempo dell’intervallo durante il quale i docenti hanno solo compiti di sorveglianza nella zona alla quale sono assegnati.
Il 2 giugno la maestra Luisella ha fatto anche una lezione sulla nascita della Repubblica italiana; i bambini al termine della lezione hanno partecipato ad un mini-referendum, votando tutti per la Repubblica, ma il Belgio, come si sa è una monarchia.

Tutto questo e molto altro nella nostra intervista.