Home Personale Docenti di religione, oltre le 10 ore settimanali ne va retribuita una...

Docenti di religione, oltre le 10 ore settimanali ne va retribuita una di programmazione

CONDIVIDI

Per le ore di insegnamento fino a 10 non vi è alcun diritto all’integrazione, mentre da 11 ore fino a 21 dovrà essere attribuita/retribuita 1 ora di programmazione, ferme restando le 2 ore di programmazione da riconoscersi per le 22 ore di insegnamento previste.

Così si è espresso l’USR per l’Umbria, con proprio parere, rispondendo alla Ragioneria territoriale dello Stato di Perugia circa alcuni dubbi riguardanti le ore di Programmazione didattica dei Docenti di Religione Cattolica e la possibilità di riconoscere e, quindi, retribuire le ore di programmazione didattica dei docenti incaricati su più Istituti Scolastici, con orario inferiore alle 12 ore su tutti o su alcuni di questi.

Icotea

 

{loadposition bonus}

 

Richiamando alcune precedenti note Miur (Nota Miur prot. n. AOODGPER 9774 del 25/09/2013, Nota Miur prot. n. 2054 del 27/09/2013 e Circolare Miur n. 366/1996), l’USR ritiene che debba essere riconosciuta e retribuita un’ora di programmazione ogni qual volta il docente svolga almeno 11 ore settimanali, indipendentemente dal fatto che le stesse vengano svolte su un’unica istituzione scolastica o, tramite spezzoni orari o part time, su più istituzioni.

Pertanto, invita la Ragioneria a riconoscere, dall’anno scolastico in corso, le ore di programmazione, nei limiti indicati, e a rivedere le posizioni anche di coloro che, in virtù di una precedente interpretazione restrittiva delle norme, si siano visti negato ad inizio del corrente anno scolastico tale diritto.

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola