Home I lettori ci scrivono Facebook, una preoccupante migrazione dei  “nativi digitali”

Facebook, una preoccupante migrazione dei  “nativi digitali”

CONDIVIDI

Facebook, rappresenta il conosciuto dei genitori, identificandolo come l’ambiente più frequentato dai propri ragazzi. Non è più così. E questo preoccupa!

Facebook, uno specchietto per allodole

Fino a due-tre anni fa, Facebook era molto frequentato dai ragazzi. I genitori si sentivano abbastanza rincuorati da questa scelta. Grande sottovalutazione dei rischi insiti in un social network ( e non solo). Mi riferisco ai furti d’identità, alle maldestre condivisioni o a inadeguati  filtri “privacy”…
Nel frattempo molto è cambiato, ma non i genitori che sono rimasti praticamente fermi!
Si registra qualche timido aggiornamento del loro conosciuto. Mi riferisco a Instagram e WhatsApp.
I ragazzi, invece, stanno discretamente disertando il Social Network più famoso.  I profili assomigliano a delle navi  senza timone e guida. Non vengono chiusi e servono a illudere di una presenza. Rappresentano i classici specchietti per le allodole. Servono a distrarre, nulla più!

I numeri e i motivi di una diaspora

In mezzo alla notizia

L’abbandono è più di una sensazione. Sono gli stessi responsabili del Social ad ammettere il calo. Si legge: “Stando a quanto riportato nell’ultima report trimestrale della società, il numero è passato da 185 a 184 milioni. Un calo contenuto, ma che rappresenta comunque un segnale preoccupante per l’azienda di Menlo Park. L’aspetto più importante, però, è la fascia demografica in cui è avvenuto il declino: nel 2017, l’utenza tra i 12 e i 17 anni è infatti scesa del 9,9%. Nel complesso, il social network fondato da Mark Zuckerberg sembra perdere terreno tra i giovani al di sotto dei 25 anni, facendo segnare un saldo negativo di 2,8 milioni. La tendenza, secondo alcune ricerche, è confermata anche in Italia.”
Il motivo di questa diaspora? La consapevolezza di poter esser “visti”, letti anche dai genitori. I nostri ragazzi non sono molto propensi a condividere il loro mondo. Un universo parallelo, non comunicante con quello degli adulti, da cui si mantengono alla larga. In questo universo essi possono manifestare  le loro “identità multiple” finalizzate a nascondere o ad esaltare aspetti del loro io fisico e personale ancora in costruzione.

Oltre Instagram, esiste un tunnel

L’articolo citato presenta Instagram come il principale capolinea  del viaggio dei nostri nativi digitali. Si legge “Il primo approdo è Instagram, che in Italia ha raggiunto quota 14 milioni di iscritti (contro i 30 di Facebook) e nel mondo può contare su 800 milioni di utenti attivi, il 59% dei quali compresi in un’età che va dai 18 ai 29 anni.”
Abituato a dare importanza ai dati, non potrei smentire questi numeri. Ritengo, però, che esista un mondo più dark, maggiormente attento a rispondere ai bisogni dei giovani utenti, proponendo  chat segrete (modalità end to end) e sull’anonimato.
Ambienti costituiti da social, applicazioni e IM che partendo dal modello “Snapchat”  stanno lentamente, ma progressivamente conquistando l’attenzione dei nostri ragazzi, come ad esempio Burn Note e Periscope, Meerkat. E non è finita! Secret permette di postare messaggi, foto chattare   in assoluto anonimato; Truth consente di inviare messaggi anonimi ai contatti presenti sul proprio smartphone, anche se il destinatario non ha l’app, installata. Pochi esempi per comprendere quanto sia variegato e dinamico l’universo virtuale oltre Facebook e Instagram.

E i genitori?

Tutto questo richiede genitori “aggressivi”. L’espressione non rimanda a manifestazioni violente, bensì alla volontà di rientrare in gioco nella dinamica educatica con competenza e autorevolezza. Se questo non accadrà, allora rimarrà il mercato retto dal Thanatos e dall’Eros, finalizzati al guadagno!

di Gianfranco Scialpi

CONDIVIDI