Home Didattica Facilitazione e docente facilitatore: chi è e cosa fa

Facilitazione e docente facilitatore: chi è e cosa fa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Quella del facilitatore è una professione chiave nel mondo della formazione, della didattica, dell’educazione, del sociale. Cosa fa il facilitatore, quali siano i suoi compiti, il suo ruolo, il suo approccio, lo dice il termine da sé. 

Professione facilitatore

“Il facilitatore sovrintende ai fattori sociali e organizzativi, emotivi e di apprendimento durante riunioni e tavoli, forum partecipati e circoli di aiuto; il facilitatore è in grado di promuovere rapidamente un clima vitale e costruttivo, garantendo forme di comunicazione partecipata (a forte circolarità), forme di potenziamento e attivazione dei singoli all’interno degli obiettivi del gruppo (empowerment), forme di negoziazione integrativa e di gestione della negatività.”

È quanto ci spiega uno dei principali teorici del modello del facilitatore: Pino De Sario.

ICOTEA_19_dentro articolo

Quanto siano importanti in classe un clima positivo, un’attitudine all’ascolto propria dell’intero gruppo, una comunicazione partecipata, anche da parte dei più timidi, insicuri, riservati, è cosa nota e piuttosto scontata tra gli insegnanti; quello che è meno scontato è il reale verificarsi di queste condizioni. L’ottimo difficilmente coincide con il reale. Quindi che fare?

Buone pratiche

Esistono strategie, metodi, strumenti, buone pratiche per prepararsi alla gestione dei gruppi in chiave di facilitazione. Il docente facilitatore ha una marcia in più che gli permette di trovare la risorsa giusta (cognitiva e relazionale) in rapporto alla situazione problematica o alla criticità del momento: dall’argomento difficile, a uno stato d’ansia dell’interlocutore, alla stanchezza del gruppo classe, all’aggressività o alla passività di alcuni alunni.

Ad esempio, una delle competenze attive del facilitatore è sapere osservare. Secondo il modello dei big five, ci sono cinque grandi fattori della personalità ovvero cinque grandi segnali da osservare nell’analisi di un comportamento: l’estroversione/introversione; la gradevolezza/ostilità; la coscenziosità; la stabilità/instabilità emotiva; l’apertura mentale. L’analisi di questi fattori permette al facilitatore di modulare il suo intervento. Facile? No. Ma si tratta di competenze su cui il docente può e deve lavorare.

Quali risorse?

Dal punto di vista cognitivo e relazionale, a quali risorse ci riferiamo? Cos’è esattamente la facilitazione? Chi è e cosa fa il docente facilitatore?

In quattro parole, l’insegnante facilitatore è:

  • un catalizzatore;
  • un mediatore;
  • un motivatore;
  • un agente di aiuto.

Il corso

Per entrare nel dettaglio del modello del facilitatore, con i suoi ricchissimi spunti didattici, segui il corso webinar del nostro formatore Pino De Sario “L’insegnante facilitatore”, in programma in quattro appuntamenti, dal 3 al 9 settembre, dalle ore 17 alle ore 19.

Dai un’occhiata al link del corso: https://corsi.tecnicadellascuola.it/corsi/webinar/linsegnante-facilitatore-5a-ed/ 

Preparazione concorso ordinario inglese