Home Personale Fare la pagella al prof non è una cosa semplice

Fare la pagella al prof non è una cosa semplice

CONDIVIDI
  • Credion

Valutare l’operato di un professore o di una professoressa è cosa buona e giusta, ma non è per nulla una cosa semplice. In assoluto nessuno sarebbe contro alla valutazione degli insegnanti, ma quando si prova ad entrare nello specifico, facendo la pagella ai prof e valutandoli professionalmente, si sollevano tanti dissensi, proteste e contrarietà. Come mai tanta ostilità contro la valutazione degli insegnanti e la loro progressione di carriera legata al merito? Il problema principale è che si pensa al merito nella scuola come se fosse un grande bluff, una sorta di imbroglio, studiato a proposito per risparmiare sulle spalle di una parte dei docenti senza toccare gli interessi di altri insegnanti. 
All’interno delle scuole si respira un’aria di  forte diffidenza, nessuno crede che quello proposto dal documento “La Buona Scuola” sia vero merito. Un sistema di valutazione serio ed equo, che valuti oggettivamente e con assoluta terzietà i docenti delle scuole, sarebbe anche accettabile, invece viene respinta l’idea di fare passare un merito autoreferenziale, capace soltanto di legalizzare il merito già emerso, ma non ancora riconosciuto, in questa fase iniziale di autonomia scolastica.
Un merito stabilito al chiuso della dirigenza, concertato insieme ad uno staff di direzione fatto dal vicario, dai collaboratori, dai responsabili di plesso ed in alcuni casi anche dalle funzioni strumentali. Un merito da salotto che non avrebbe riscontri oggettivi, ma piuttosto  la soggettività concertativa del cerchio magico dirigenziale. Questo è un merito che non piace quasi a nessuno, fatta eccezione per chi è parte direzionale della scuola, è un merito che desta preoccupazione e non ha l’approvazione di tutti gli insegnanti.
C’è anche chi propone che le pagelle ai prof le debbano fare gli studenti sulla base di tre indicatori principali: la relazione del prof con gli studenti, la didattica e l’organizzazione del lavoro. Anche questo tipo di merito lascia molti dubbi e non è gradito dalla maggioranza degli insegnanti, che ritengono che gli studenti vadano a premiare di più i prof più permissivi e a punire quelli più rigidi e meno flessibili. Ma allora come fare la pagella agli insegnanti  per distinguere il loro merito e il loro impegno didattico?
Forse la soluzione potrebbe essere quella di fare periodicamente, mentre la carriera avanza anche per anzianità di servizio, degli esami di verifica delle competenze ed un colloquio psicoattitudinale che avvalori il grado del merito raggiunto. Questi esami dovrebbero essere fatti in modo oggettivo, lontano dall’ambiente lavorativo, e soprattutto da commissioni di professionisti che si occupano di valutazione.
Forse questo sarebbe un modo di valutare che potrebbe trovare un consenso più diffuso tra gli insegnanti, ma forse poi non andrebbe più bene a chi oggi gestisce ed amministra le nostre scuole.