Home Personale Flc-Cgil Sicilia, le immissioni in ruolo non bastano

Flc-Cgil Sicilia, le immissioni in ruolo non bastano

CONDIVIDI

Non è soddisfatto il sindacato scuola Flc-Cgil della Sicilia del contingente isolano immesso in ruolo. A dichiararlo il segretario regionale della Flc Cgil Sicilia Adriano Rizza, attraverso un comunicato stampa:

Incrementate i posti in organico di diritto

“I 2.137 posti destinati dal Miur alle immissioni in ruolo in Sicilia non bastano. Bisogna incrementare i posti in organico di diritto, partendo dall’aumento delle ore della scuola primaria da 27 a 30 per tutti e del tempo pieno”.

Icotea

Riducete il numero degli alunni per classe

 

“Inoltre – continua – per migliorare la qualità dell’offerta allo studio degli alunni è indispensabile ridurre il numero degli studenti per classe, anche alla luce delle condizioni dell’edilizia scolastica siciliana”.

Ma il problema è il sostegno

“Il problema si pone – spiega Rizza – come abbiamo già detto più volte, per il sostegno. Qui sono solo 179 le immissioni in ruolo a fronte di circa 8.000 posti in deroga di cui più del 50% sono relativi ai casi con disabilità grave”.

Il precariato romane un grosso peso in Sicilia

“Occorre intervenire subito – conclude – per stabilizzare questi posti e consentire il rientro ai docenti di ruolo fuori regione che sono già in possesso della specializzazione e, allo stesso tempo, risolvere il problema del precariato che in Sicilia è particolarmente complesso e delicato”.