Home Didattica Flipnet: l’associazione degli insegnanti che praticano la didattica capovolta

Flipnet: l’associazione degli insegnanti che praticano la didattica capovolta

CONDIVIDI

L’insegnamento capovolto nasce dal fatto che gli insegnanti che la praticano considerano  i vecchi sistemi non funzionanti, i risultati inferiori alle aspettative e la formazione dei giovani non corrispondente  alle esigenze delle aziende. L’idea è far vedere ai ragazzi alcuni video sull’argomento da trattare prima della lezione, liberando così in classe un’incredibile quantità di tempo. Tempo per esercitazioni in gruppo, laboratori, compiti, studio di casi, approfondimento.

Ma anche tempo per seguire, finalmente, i ragazzi con bisogni educativi speciali. Su Wikipedia la storia della classe capovolta o ribaltata è descritta con le seguenti parole: “Ufficialmente, i primi esperimenti sono stati condotti negli anni novanta da Eric Mazur, professore di fisica presso l’Università di Harvard. Oggi questo metodo è usato per esempio dalla Khan Academy, che dà agli studenti la possibilità di seguire dei videotutorial da casa su Youtube e sono disponibili online anche degli interi corsi universitari come su Coursera o interi corsi per materia della scuola superiore italiana come su TVscuola.  

I veri fondatori della didattica capovolta sono generalmente considerati Jonathan Bergmann e Aaron Sams, autori del libro “Flip Your Classroom: Reach Every Student in Every Class Every Day” Edito negli Stati Uniti nel 2012. A partire dal loro manuale e dai siti web della loro associazione, il flipped learning sta crescendo in modo esponenziale in tutto il mondo. In Italia nel 2014 è nata FLIPNET l’associazione degli insegnanti che praticano la didattica capovolta “. Sul sito web di FLIPNET è citato l’ex Ministro dell’istruzione Tullio De Mauro: “ L’ex ministro ed illustre linguista Tullio De Mauro crede da tempo nella didattica capovolta ed ha trattato questo argomento più di una volta nella sua rubrica dedicata alla didattica nella rivista Internazionale”

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI