Home Archivio storico 1998-2013 Generico Garibaldi: il bicentenario si celebra anche a scuola

Garibaldi: il bicentenario si celebra anche a scuola

CONDIVIDI
  • Credion
Manifestazioni istituzionali, convegni internazionali di studio, mostre e pubblicazioni: sono le iniziative che nel 2007 chiederanno la partecipazione dei cittadini per celebrare il bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi. Il carattere popolare dell’Eroe dei due mondi verrà messo in luce in tutte le sue sfaccettature. Tra le manifestazioni previste, alcune delle quali si svolgeranno all’estero, spicca il Giro d’Italia nelle scuole: le scuole coinvolte verranno visitate anche delle telecamere della Rai. 
Il 9 gennaio a Roma, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, presso il salone del Ministro (Via del Collegio Romano), il presidente del Comitato, l’ on. Andrea Marcucci, sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività culturali, presenterà il marchio delle celebrazioni, il calendario di attività previste per l’anno 2007 e il nuovo sito internet.
Per celebrare la figura, il pensiero e l’azione del grande personaggio da tutti studiato sui banchi di scuola è stato infatti costituito, con decreto presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il “Comitato nazionale per il Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi”: composto da autorevoli accademici, uomini di cultura e dai rappresentanti delle istituzioni che, a vario titolo, hanno un ruolo nella rievocazione delle vicende garibaldine, della sua giunta esecutiva fanno parte Zeffiro Ciuffoletti dell’Università degli Studi di Firenze, il prof. Alfonso Scirocco dell’Università “Federico II” di Napoli, il prof. Umberto Sereni dell’Università di Udine, l’on. Luigi Berlinguer, già Rettore dell’Università di Siena e Ministro della Pubblica Istruzione, il dott. Salvatore Italia, già Capo Dipartimento per i Beni Archivistici e librari del Mibac, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell’Università orientale di Napoli, il prof. Romano Ugolini dell’Università di Perugia, il Dott. Lauro Rossi, della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea e Segretario del Comitato.