Home Ordinamento scolastico Giannini: “Accorciare le vacanze? Orario non messo lì a caso”

Giannini: “Accorciare le vacanze? Orario non messo lì a caso”

CONDIVIDI
  • Credion

Interpellata sulla possibilità di accorciare  le vacanze scolastiche, la ministra Stefania Giannini, ai microfoni di Radio24, ha detto: «L’orario scolastico non è messo lì a  caso. C’è un certo numero di ore che vanno rispettate».

«Ci sono paesi che le vacanze le dosano diversamente, come la  Francia ad esempio. L’Italia ha privilegiato sempre le vacanze  estive anche per un fattore climatico. È comunque una questione  che va affrontata con serietà, un capitolo che si può discutere»

Icotea

La ministra ha poi osservato tuttavia che l’esigenza che  ha spinto la petizione lanciata qualche giorno fa in Emilia  Romagna, quella cioè di tenere aperte le scuole per l’intero mese di giugno, era di tipo diverso, un’esigenza alla quale può dare  risposta – ha precisato – il progetto «Scuola al centro» varato  dal Miur. «Le scuole – ha poi concluso – in virtù  dell’autonomia scolastica hanno una loro possibilità di gestire  attività extracurricolari e di integrazione del calendario  ordinario».

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

200 giorni di lezione insomma, distribuite in modo diverso o un altri giorni da aggiungere, considerato che le ferie dei docenti coprono circa un mese?

In ogni caso si aprirebbe una voragine, considerato che gli insegnanti hanno l’obbligo della presenza solo per svolgere attività didattiche, e quindi per i 200 giorni previsti per legge (ministra era allora la democristiana Falcucci)   mentre per qualsiasi altra attività deve essere il collegio a votarla prima che inizia il nuovo anno.