Home Generale Giornata contro il lavoro minorile. Ma lo sfruttamento aumenta

Giornata contro il lavoro minorile. Ma lo sfruttamento aumenta

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, la Fao avverte: oggi quasitre bambini su quattro che svolgono lavoro minorile sono occupati in agricoltura e, rispetto al 2012, sono 10 milioni in più e cioè 108 milioni. Dopo anni di costante declino, il lavoro minorile in agricoltura negli ultimi anni ha ripreso a crescere, a causa anche dell’aumento dei conflitti e delle catastrofi provocate dal clima.

Conflitti prolungati e disastri naturali legati al clima seguiti da migrazioni forzate hanno spinto centinaia di migliaia di bambini nel lavoro minorile.

I bambini rifugiati

I bambini rifugiati svolgono una serie di compiti: lavorano nella produzione di aglio, nelle serre per la produzione di pomodori, nella raccolta di patate, fichi e fagioli. Sono spesso esposti a molti pericoli e rischi, come pesticidi, scarsa igiene del campo, alte temperature e affaticamento nel fare lavori fisici impegnativi per lunghi periodi. Allo stesso tempo, gli sforzi per eliminare il lavoro minorile in agricoltura devono fare i conti con sfide persistenti, a causa della povertà rurale e della concentrazione del lavoro minorile nell’economia informale e nel lavoro familiare non retribuito.

ICOTEA_19_dentro articolo

La Fao denuncia

La Fao fa notare che il lavoro minorile in agricoltura è una questione globale che nuoce ai bambini, danneggia il settore agricolo e perpetua la povertà rurale.

Altri dati:  dei 152 milioni di bambini lavoratori, la stragrande maggioranza, 108 milioni, vengono occupati in agricoltura, nell’allevamento del bestiame, nella silvicoltura o nell’acquacoltura; l’incidenza del lavoro minorile nei Paesi colpiti da conflitti armati è del 77% superiore alla media globale; quasi la metà di tutto il lavoro minorile del mondo avviene in Africa, 72 milioni, un bambino su cinque, e la stragrande maggioranza lavora in agricoltura, seguita dall’Asia con 62 milioni.

Le conseguenze

Il lavoro minorile è definito come un lavoro inappropriato per l’età, che ha conseguenze per la scolarizzazione dei bambini e che può nuocere alla loro salute, sicurezza o alla morale.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese