Home Archivio storico 1998-2013 Elezioni politiche 2013 Grillo (M5S): tra 6 mesi senza soldi per pensioni e stipendi

Grillo (M5S): tra 6 mesi senza soldi per pensioni e stipendi

CONDIVIDI
  • Credion

“Ai vecchi partiti do ancora sei mesi e poi è finita”, spiega il leader di M5S, sottolineando che “a quel punto non riusciranno più a pagare nè le pensioni, nè gli stipendi pubblici”.
Grillo chiede che l’Italia tratti con l’Europa una rinegoziazione del suo debito pubblico: “Siamo schiacciati non dall’euro, ma dai nostri debiti, con 100 miliardi di euro all’anno di interessi siamo morti, non ci sono alternative alla rinegoziazione”.
L’ex comico genovese ha paragonato la situazione dello Stato a quella di una società per azioni: “Se ho acquistato azioni di un’azienda e questa fa bancarotta”, ha spiegato, “allora ho avuto sfortuna. Ho rischiato e ho perduto”. A suo avviso, se le condizioni non dovessero cambiare, l’Italia dovrebbe uscire dall’euro e tornare alla lira. Il leader di M5S si rallegra poi del fatto di non avere preso ancora più voti di quelli che ha raccolto: “Saremmo stati forse un po’ preoccupati se avessimo ottenuto subito la maggioranza. Questa è stata solo la prova generale”.