Home Attualità I compiti? Si risolvono con i docenti su YouTube

I compiti? Si risolvono con i docenti su YouTube

CONDIVIDI
  • Credion

Ampio spazio su La Stampa ai docenti che registrano e pubblicano video di lezioni su YouTube (in alcuni casi addirittura con migliaia di iscritti). Il fenomeno delle lezioni online non è nuovo, ma si tratta di un universo in continua evoluzione.

Alcuni sono in pensione ma non hanno perso la voglia di insegnare, altri sono pienamente operativi e utilizzano il loro canale al posto dei compiti e invitano i loro alunni a studiare osservando dei video specifici su cui si discuterà in classe. Ci sono i professori che utilizzano YouTube per formare altri professori e dedicano ai loro alunni video visibili solo ad una ristretta cerchia di persone.

Icotea

Ecco due casi particolari, quelli di Elia Bombardelli e Carlo Incarbone

ELIA BOMBARDELLI

Elia Bombardelli, ad esempio, non ha ancora trent’anni, da cinque insegna matematica e fisica al Liceo Internazionale Arcivescovile di Rovereto e da quattro ha aperto il canale su You Tube LessThan3Math che ha oltre 130mila follower.

Fra le sue hit ci cono “Dominio di una funzione, cos’è e come trovarlo” che ha superato le 400 mila visualizzazioni oppure “Seno, Coseno e Tangente. Funzioni goniometriche»”con oltre 300 mila visualizzazioni.

CARLO INCARBONE

Carlo Incarbone, detto “Inca”, per i 30mila iscritti al suo canale è un mito. Classe 1951, è in pensione. La registrazione dei video avviene nella camera dei figli che non vivono più a casa. 20 minuti è il tempo che ci mette Carlo Incarbone, a registrare ogni video, altri 20 per la rielaborazione dal pc, infine carica sul web. Ne ha realizzati 900.