Home Generale I giovani e le scienze. Mostra e premiazione dei talenti italiani

I giovani e le scienze. Mostra e premiazione dei talenti italiani

CONDIVIDI

“Abbiamo selezionato i migliori 29 progetti realizzati da 73 finalisti provenienti da dodici Regioni italiane,” dice il dott. Alberto Pieri, Segretario Generale della FAST, Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche, che organizza ogni anno, ininterrottamente dal 1989,  per la Commissione europea, Direzione Generale Ricerca, la selezione nazionale del più importante concorso per i giovani di età compresa tra i 14 e i 20 anni. La mostra degli stand e delle invenzioni e prototipi realizzati dai giovani partecipanti è aperta al pubblico a Milano domenica pomeriggio e lunedì  mattina. Si saprà il nome dei vincitori della selezione italiana 2016 solo lunedì  mattina. I migliori rappresenteranno l’Italia alla finale europea prevista per il 28° concorso dell’Unione europea  a  Bruxelles dal 15 al 20 settembre e parteciperanno ai più importanti concorsi mondiali in rete con tale iniziativa.

Sono più di 5 mila gli Istituti scolastici superiori a conoscenza del concorso. Almeno 110 mila studenti hanno pensato di concorrere; circa 3 mila hanno cominciato a lavorare per partecipare; ma alla fine le proposte preparate e valutate all’interno delle singole scuole sono 284, frutto degli sforzi di 538 autori. Dopo la ferrea selezione all’interno delle diverse strutture scolastiche per inviare alla Giuria Fast solo i migliori, i contributi sono diventati 66. I 35 componenti della Giuria hanno scelto i 29 progetti realizzati da 73 studenti da invitare all’esposizione di Milano del 9-11 aprile 2016. Alla mostra ci sono anche stand di  giovani meritevoli provenienti da Olanda, Spagna, e Messico.

Icotea

La giuria

Per l’edizione 2016 la Giuria è formata da 35 valutatori con esperienze diversificate e attivi in prestigiosi centri di ricerca anche internazionali. 12 esperti provengono dall’Università; di questi 5 lavorano a Chicago, Cape Town, Heidelberg, Aachen, Uppsala. Gli atenei nazionali coinvolti sono: Politecnico di Milano, Milano Bicocca, Università di Milano, Pavia e Torino.

Sono rappresentati prestigiosi centri di ricerca come FBK di Trento, IIT di Genova, CRA-MAC di Bergamo, Ifom di Milano, Cnr di Milano. Ci sono anche il CCR di Ispra, il CEA di Parigi, il centro NASA di Coppertino in California. Tra le associazioni coinvolte si ricordano Aica di Milano, H2It di Milano, EHA di Bruxelles. Il mondo imprenditoriale è tra gli altri coinvolto tramite il Gruppo Eni, Tecnimont, Orange Labs in Francia.