Home Personale I trend più innovativi dell’Education Technology

I trend più innovativi dell’Education Technology

CONDIVIDI

Con EdTEch, che sta per Education Technology, si intende lo studio e l’utilizzo di dispositivi tecnologici per facilitare il processo di apprendimento e l’acquisizione di abilità e competenze.

Nel mondo contemporaneo c’è un’ampia diffusione di device digitali e gli studenti li conoscono, li usano e li amano.

Proprio per questo motivo, in mano a docenti preparati ad usarli, diventano strumenti di apprendimento ad alto tasso di engagement.

In mezzo alla notizia

La grande potenzialità dell’EdTech non va cercata tanto nella fruizione di contenuti attraverso dispositivi digitali, ma nella possibilità di utilizzare questi strumenti per sperimentare nuove modalità di fare e di scoprire le cose.

In altre parole la tecnologia educativa è l’utilizzo sia dell’hardware fisico che dell’arte educativa.

Essa comprende diversi settori, tra cui la teoria dell’apprendimento, la formazione su computer, l’apprendimento on-line e, dove vengono utilizzate le tecnologie mobili, l’apprendimento su questi dispositivi.

Di conseguenza, ci sono diversi aspetti discreti per descrivere lo sviluppo intellettuale e tecnico della tecnologia educativa:

• La tecnologia didattica come la teoria e la pratica degli approcci educativi all’apprendimento
• La tecnologia dell’istruzione come strumento tecnologico e mezzo che aiuta nella comunicazione della conoscenza, nello sviluppo e nello scambio
• La tecnologia educativa per i learning management systems (LMS), come strumenti per la gestione degli studenti e del curriculum e dei sistemi informativi per la gestione dell’istruzione
• La stessa tecnologia educativa come un soggetto didattico; Alcuni corsi possono essere chiamati “Informatica” o “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione(ICT)”.

Per concludere secondo l’ISTE, The International Society for Technology in Education, i trend più innovativi dell’EdTech saranno: coding, real-time learning feedback, realtà virtuale e aumentata, media-literacy e nuovi approcci più attivi alla cittadinanza digitale.