Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Il Miur domani mette in mostra i tesori della sua biblioteca

Il Miur domani mette in mostra i tesori della sua biblioteca

CONDIVIDI
  • Credion

Aprire la porte del Ministero e del suo patrimonio fino ad ora nascosto. Permettere ad alunni, docenti e cittadini, di curiosare tra antichi registri, pagelle e documenti rarissimi sulla scuola. Rendere il Palazzo dell’Istruzione una vera “casa della e per la scuola italiana”.
L’esposizione è stata realizzata grazie al contributo del Ministero dell’Economia e delle Finanze ed alla collaborazione dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, degli istituti “R. Rossellini” di Roma, “E. Majorana” di Brindisi e di tante altre scuole che hanno donato i loro documenti d’archivio. La mostra nasce in occasione del 150enario della Biblioteca del Ministero che, fondata nel 1862 a Torino, ha seguito le vicende del Regno d’Italia, venendo trasferita prima a Firenze e poi a Roma nel Palazzo della Minerva. Infine, dal 1928, la biblioteca si trova nella sede storica del Ministero, a Viale Trastevere e accoglie circa 70mila volumi e documenti di notevole importanza storica. Il percorso della Mostra L’esposizione si snoda tra le tre sale della Biblioteca del Miur: Emeroteca, Sala della Legislazione Scolastica e la Biblioteca Centrale. E’ divisa in 5 sezioni:
• Le aule: esposizione di due aule, una di fine ‘800 e una modernissima 2.0;
• La vita di classe: Registri, giornali della classe e quaderni;
• I libri di testo: Abaci, abbecedari ed altri libri di testo;
• Pagelle e diplomi: pagelle e attestati dal 1863, comprese quelle della “propaganda”, fino al primo dopo-guerra;
• L’amministrazione scolastica: Regi decreti, l’intera collezione delle leggi d’Italia fin dalla prima del 21 marzo 1861, i libri matricolari dei regi provveditori e dei regi ispettori e libri stranieri sull’istruzione dell’800 e del ‘900; Si tratta di un patrimonio di grande valore storico e culturale, attraverso il quale leggere la storia del Paese. Un percorso che idealmente lega le nostre radici culturali nazionali alle innovazioni del presente e alle nuove tecnologie: dalla lavagna in legno a quella digitale. Portale sulla scuola Oltre alla mostra è stato realizzato anche un portale sulla storia della scuola italiana – che sarà attivo da domani – dove sono stati digitalizzati e inseriti documenti, libri e foto presenti nella biblioteca: www.storia150.ipzs.it.
Visite La mostra sarà aperta a scolaresche e cittadini previa prenotazione. Si può scrivere al seguente indirizzo: [email protected] , oppure chiamare lo 06-5849.2053-2806-3129.