Home Personale Immissioni in ruolo, in Lombardia i numeri più alti di docenti e...

Immissioni in ruolo, in Lombardia i numeri più alti di docenti e Ata – TABELLA regione per regione

CONDIVIDI
  • Credion

In vista dell’inizio anno scolastico 2021-2022, non si sono fatti attendere i numeri ufficiali del Ministero dell’Istruzione, come ha riferito anche il nostro direttore Alessandro Giuliani. La storia si ripete. La regione Lombardia sbaraglia tutte le altre in fatto di numeri delle assunzioni in ruolo, sia sul fronte dei docenti che su quello del personale Ata. Parliamo di 12.136 incarichi di docenza, suddivisi tra i 9.803 ordinari e i 2.333 conferiti con la procedura straordinaria del DL sostegni bis, i cui esiti determineranno il ruolo previa positiva valutazione del percorso annuale di formazione e prova e del giudizio positivo relativamente alla prova disciplinare.

Quanto al personale Ata, la Lombardia raggiunge quota 2.147 assunzioni a tempo indeterminato.

SCARICA LA TABELLA IMMISSIONI IN RUOLO, regione per regione

I numeri di Lazio, Campania, Toscana

Al secondo posto, ma a distanza notevole dalla Lombardia, si posiziona la regione Lazio con 6.338 assunzioni docenti, tra i 3.944 già in ruolo e i 2.394 del Dl Sostegni bis che conquisteranno il contratto a tempo indeterminato solo allo scadere dell’anno di prova.

Mentre sul fronte Ata, il Lazio, con le sue 1.059 assunzioni, eguaglia all’incirca l’Emilia Romagna, che si attesta a 1.071 contratti a tempo indeterminato.

In generale, numeri estremamente elevati anche quelli della Campania (4.924 immissioni docenti e 693 Ata) e della Toscana (5.042 immissioni docenti, a fronte di 856 Ata).

In totale quasi 60mila nuovi docenti (per l’esattezza 59.425) in cattedra già in ruolo o quasi per l’avvio dell’anno scolastico. Gli Ata sono invece 10.729. Sufficienti? Non ancora. Il mantra ripetuto dal Ministro dell’Istruzione del tutti in cattedra il primo giorno di scuola viene smentito dai dirigenti che ancora sono nel bel mezzo dell’organizzazione d’avvio dell’anno scolastico con problemi di organico. Problemi numericamente inferiori agli altri anni, senza dubbio, ma non del tutto risolti, a partire dalle difficoltà prodotte dall’algoritmo delle procedure di supplenza da Gps.