Home Personale Incarico per conoscenza diretta a Caltanissetta. Il M5S non ci sta

Incarico per conoscenza diretta a Caltanissetta. Il M5S non ci sta

CONDIVIDI

Incarico per conoscenza diretta?
Il M5S non ci sta. E ha presentato un esposto alla magistratura ordinaria e contabile, nonché all’Anac, sulla vicenda dell’incarico di insegnamento per conoscenza diretta all’istituto musicale “Bellini” di Caltanissetta, conferito dal direttore Angelo Licalsi al maestro di chitarra Giovanni Puddu che sostiene di essere stato responsabile nazionale del Pd per il settore Musica.

Insomma, i grillini intendono vigilare su una questione poco chiara, su cui la magistratura deve indagare a dovere.
Di recente, sul caso, la loro portavoce Chiara Di Benedetto aveva presentato un’interrogazione al ministro Valeria Fedeli, chiedendo di verificare la legittimità dell’incarico a Puddu e lamentando poca trasparenza e il mancato rispetto, nello specifico, di una serie di norme di legge.

Ma la risposta del direttore dell’Istituto non aveva affatto convinto.
Egli, infatti, replicando via stampa, aveva affermato di ritenere l’iniziativa parlamentare ispirata dall’astio di un docente interno della stessa scuola, ma senza fornire precisi chiarimenti sulla procedura seguita in proposito.

In mezzo alla notizia

A questo punto saranno la Procura di Caltanissetta, la Corte dei Conti e l’Autorità Nazionale Anti Corruzione ad accertare tutti i fatti e a stabilire eventuali responsabilità, nell’ambito delle rispettive competenze.
Il M5S, per parte sua, incalza anche alla luce della risposta elusiva fornita pubblicamente dal direttore Licalsi.

Alla magistratura la parola definitiva, volta a stabilire se ci sono state ingerenze di partito nell’istituto nisseno di alta formazione musicale.

CONDIVIDI