Home Concorsi Incinta chiede una sede più vicina per partecipare al concorso: negato

Incinta chiede una sede più vicina per partecipare al concorso: negato

CONDIVIDI
  • Credion

Ad una trentaquattrenne umbra, al nono mese di gravidanza, il parto è stato previsto proprio nel periodo in cui dovrà affrontare la prova: il prossimo 19 maggio.

Conosciute le date, e prima che venissero comunicate le sedi dove le prove verranno svolte, la candidata si è rivolta all’Usr dell’Umbria chiedendo “ di poter svolgere l’esame nella sede più vicina al domicilio”. Ma la risposta è stata netta: “L’assegnazione delle sedi è informatizzata”, cioè “è il sistema che la decide” e perciò “nulla può essere modificato”, nemmeno di fronte a un certificato medico che attesti di essere in procinto di partorire. E poi, “il bando del Concorso scuola 2016 non prevede alcuna legislazione per le donne in gravidanza”.

Icotea

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

In un Paese dove la gravidanza continua a essere rimossa dall’organizzazione del lavoro, dove non viene contemplata “nella legislazione” dei bandi di concorso, dove un datore di lavoro resta spesso disorientato e si sente in diritto di spingere alle dimissioni chi sta per avere un figlio,  la docente si sente “discriminata” e “allucinata”: “Con che coraggio – dice – definiamo l’Italia uno stato di diritto? Non dovrebbero essere garantite le pari opportunità tra uomini e donne?”.