Home I lettori ci scrivono La beffa dei “forzati” della scuola

La beffa dei “forzati” della scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Concordo con l’articolo di A.M. Bellesia. Aggiungo che, proprio per quello che si legge nel suo articolo, gli anziani che ormai, dopo anni di lavoro aggiuntivo senza “premialità”, di corsi a bizzeffe e quant’altro si sono stancati e hanno un po’ “mollato” e rallentato il ritmo degli impegni extra – cattedra/classe, potrebbero subire la “beffa” di non rientrare nel “merito” e, di conseguenza, il loro misero stipendio resterà fermo. 
Se per “merito”, come pare di capire, s’intendono i vari incarichi nella scuola, assegnati dal D.S., (e ciò è già sbagliato perché anche se si vuole, non tutti possono accedere e la scelta, spesso, è arbitraria e incongruente) questi docenti ne saranno “tagliati fuori”. 
Eppure hanno dato tanto e…. gratis o sottopagati !!!!!