Home Personale La scuola non è un bancomat. La campagna della Uil Scuola contro...

La scuola non è un bancomat. La campagna della Uil Scuola contro il blocco degli stipendi

CONDIVIDI

Dal 2010 ad oggi, le retribuzioni per il comparto scuola sono rimaste bloccate. In tutti i paesi europei gli stipendi del personale scolastico hanno avuto un aumento, eccenzion fatta per l’Italia. 

La Uil Scuola lancia la campagna “La Scuola non è un bancomat”.

Solo in Italia continua ad essere operativo il blocco stabilito dal decreto legge 78/2010 del Governo Berlusconi, rimasto vigente con i successivi governi Monti, Letta, Renzi. Provvedimento che la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo nel giugno 2015, non fissando però tempi per riaprire le contrattazioni per i rinnovi dei contratti di lavoro.

ICOTEA_19_dentro articolo

La retribuzione dei docenti in Germania è praticamente doppia che da noi, per tutti i gradi di scuole e per tutte le anzianità, molto al di sopra della media europea; la Spagna, ha retribuzioni sempre al di sopra della media EU, ma più marcatamente per quelle iniziali; la Francia, ricalca l’andamento europeo, ma con le retribuzioni intermedie più basse; l’Italia, infine, parte in linea con l’Europa, si mantiene allineata fino all’anzianità di 15 anni e termina a fine carriera decisamente più in basso.

 

Bancomat

 

RICERCA della UIL SCUOLA (clicca qui per tutti i link)