Home Attualità La Toscana chiede 6mila posti in più per l’emergenza. In Italia ne...

La Toscana chiede 6mila posti in più per l’emergenza. In Italia ne servirebbero quindi 100mila

CONDIVIDI
webaccademia 2020

I dati che arrivano dalla Toscana confermano le nostre previsioni: i 50mila posti di organico aggiuntivi di cui parla il Decreto Rilancio non sono affatto sufficienti a rispondere alle esigenze delle scuole. Al termine del tavolo regionale svoltosi nella giornata del 27 luglio a Firenze, il direttore regionale Ernesto Pellecchia ha infatti dichiarato che il fabbisogno di organico della scuola in Toscana “si attesta intorno al 9% della dotazione organica complessiva sia per quanto riguarda i docenti che per quanto riguarda il personale Ata”, e a oggi, in attesa delle ultime verifiche, “siamo nell’ordine di circa 3.000 unità di personale docente poco più, e 3.000 unità di personale Ata”. Il calcolo – ha spiegato il direttore regionale – è stato fatto tenendo conto della necessità di “attuare le misure che sono state individuate dalle scuole in aderenza alle indicazioni dei documenti nazionali”. L’organico di posti comuni della Toscana è di circa 38mila mentre quello nazionale arriva a 620mila: questo significa che quello della Toscana rappresenta il 6% del totale. Facendo una proiezione molto approssimativa ma comunque abbastanza vicina alla realtà possiamo dire che a livello nazionale servirebbero 50mila posti di insegnanti e altrettanti di personale Ata. Dall’indagine dell’USR Toscana emerge però un dato significativo e non del tutto scontato: a settembre, per garantire il regolare funzionamento delle scuole, serviranno tanti docenti quanti Ata. Si tratta ora di capire dove trovare i fondi per coprire la spesa visto che, per il momento, le risorse stanziate con il Decreto Rilancio non appaiono sufficienti. La Ministra ha parlato di un altro miliardo e 300 milioni di euro che verrà reso disponibile con l’approvazione dello scostamento di bilancio prevista per il prossimo 29 luglio. Ma, per la verità, per il momento, non si conosce ancora la destinazione della somma. https://youtu.be/9sWpC4IkXD4

Preparazione concorso ordinario inglese