Home I lettori ci scrivono Le parole di Luciano Canfora sulle assunzioni dei 100mila docenti

Le parole di Luciano Canfora sulle assunzioni dei 100mila docenti

CONDIVIDI

“Le ragioni di chi ha conseguito un risultato grazie alla propria bravura, quelle dei docenti che hanno superato l’ultimo concorso a cattedre, non possono essere rimosse per opportunismo politico, per dare voce alla demagogia delle 100.000 assunzioni”. È con queste parole che Luciano Canfora, professore emerito di Filologia Classica all’Università degli Studi di Bari, esprime la propria solidarietà agli insegnanti inseriti in Graduatoria di Merito del concorso 2012 e non ancora assunti come alcune migliaia di altri colleghi nelle loro stesse condizioni.

Il profondo conoscitore del mondo antico e saggista, venuto a conoscenza degli esiti dilatori (agli anni 2016 e successivi) delle assunzioni ai danni di chi è stato promosso all’unico concorso per docenti bandito degli ultimi 15 anni, contenuti nel disegno di legge n. 1934 sulla scuola, si dichiara “prontissimo a esprimere indignazione per questo modo di procedere dell’esecutivo”. In una conversazione avvenuta ieri con la portavoce dei docenti del gruppo GM2012 in rispetto del T.U.,Romina Pepe, Canfora dice: “Sono felice che abbiate scelto di protestare per quello che state subendo. Non condivido assolutamente, per parte mia, l’atteggiamento di chi tace perché ‘il padrone potrebbe incattivirsi’: lo dico da cittadino, prima che da uomo di scuola e studioso”.

Icotea

Con riferimento allo strumento della deroga alla legge, utilizzato illegittimamente dal Governo per escludere le altrimenti dovute assunzioni nel 2015 degli insegnanti in Graduatoria di Merito, Canfora continua: “Il peccato originale di questo governo è la sua illegittimità dal punto di vista della sanzione popolare, e questa illegittimità è diventato il suo ‘marchio di fabbrica’: calpesta ogni legge e ogni presa di posizione degli organi costituzionali vocati ad esprimersi; si vedano gli esempi, clamorosi, dell’Italicum, che ricalca in modo quasi pedissequo gli elementi incostituzionali del Porcellum, su cui si è espressa già la Consulta, e la Legge Severino, seguita ad personam e quando serve”.

“E’ evidente – prosegue il docente universitario – che a proposito del tema scuola, le ragioni di chi ha conseguito un risultato grazie alla propria bravura, quelle dei 6.300 docenti che hanno superato l’ultimo concorso a cattedre, non possono essere rimosse per opportunismo politico, per dare voce alla demagogia delle 100.000 assunzioni. Questo segnerà il futuro della scuola e costituirà un pericoloso precedente: altro che acquattarsi in attesa dell’elemosina che il Governo vi fa! Principiis obsta, diceva Ovidio: bisogna fare in modo che il male non progredisca, bisogna mettervi un freno, adesso!”

Il filologo critica anche l’attuale titolare del dicastero di viale Trastevere: “Sono sconcertato anche dal fatto che il Miur risulti, in realtà, ‘sede vacante’, perché il ministro Giannini, dimentico della sua stessa parola e di ogni principio etico, pare intenzionato a salvaguardare unicamente le sua feluca per qualche altro mese, e non quei principi di giustizia, equità e rispetto delle leggi che andrebbero oltremodo difesi in un dibattito sulla scuola pubblica”.

“Mi auguro riusciate – conclude Luciano Canfora rivolgendosi ai docenti del Gruppo GM2012 in rispetto del T.U. – a far sentire le vostre ragioni: provate con una martellante gragnuola di lettere ai quotidiani, che è uno strumento da non dimenticare. Provate anche con i giornali stranieri: fate in modo che anche per i giornalisti questo diventi un caso di coscienza, perché un conto è lanciare strali rispondendo all’urlo indistinto della piazza, un altro conto è usare la penna per i pochi, che, anche questo non va dimenticato, sono pochi, ma meritevoli”.

Romina Pepe, ringraziando il professore per l’appoggio offerto, commenta: “Da parte nostra, c’è piena disponibilità a un dialogo costruttivo con il Governo per rimuovere dal ddl gli aspetti di incostituzionalità circa il rinvio una tantum delle nostre assunzioni. Auspichiamo che l’esecutivo e i senatori non rimangano insensibili di fronte alla prospettiva di approvare un provvedimento penalizzante nei confronti del merito di chi ha superato il concorso, e con caratteristiche di sicura illegittimità, ai sensi di un parere pro veritate redatto dal costituzionalista Miche Ainis, che siamo prossimi a divulgare alla stampa”.