Home Alunni “Legalità e merito nelle scuole”: premiati i progetti e le scuole

“Legalità e merito nelle scuole”: premiati i progetti e le scuole

CONDIVIDI
  • Credion

Paola Severino, dal 2011 al 2013 Ministra della giustizia del Governo Monti, vicepresidente della Luiss e ideatrice del progetto “Legalità e merito nelle scuole”, arrivato alla quarta edizione,  ha premiato i migliori quattro lavori multimediali, realizzati da altrettante scuole. 

Nato nel 2017, “Legalità e Merito nelle scuole” è stato realizzato con il ministero dell’Istruzione e con il supporto del ministero della Giustizia, del Consiglio Superiore della Magistratura, dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (Aanc) e della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo (Dna). 

L’obiettivo del progetto è quello di promuovere la cultura dell’anticorruzione e il rispetto delle regole tra studenti universitari e alunni delle scuole superiori, presenti in aree complesse del nostro Paese. 
Al progetto hanno preso parte oltre 20 istituti tra licei classici, scientifici ed artistici, tecnici professionali di tutta Italia, e anche tre istituti penali minorili (Catania, Firenze e Milano) che si sono confrontati sui temi della legalità con 133 Luiss Ambassadors, volontari dell’ateneo romano. 


Il progetto prevede un percorso di incontri virtuali e lezioni a distanza – inaugurato lo scorso 18 febbraio alla presenza del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi – e che è giunto a compimento con una cerimonia di premiazione dei progetti finalisti e il rinnovo del Protocollo d’Intesa tra le istituzioni promotrici del Progetto. 


Alla giornata conclusiva hanno preso parte oltre al ministro Bianchi, la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, il procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, e il presidente dell’Anac, Giuseppe Busia. Mentre sono stati letti i messaggi della ministra della Giustizia, Marta Cartabia e del vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, David Ermini. A chiudere il ciclo di interventi, Michelangelo Suigo – Direttore Relazioni Esterne, Comunicazione & Sostenibilità di Inwit. 
 I progetti vincitori hanno ricevuto dal Ministero dell’Istruzione un premio per l’acquisto di materiale didattico, mentre la Luiss ha messo a disposizione 22 borse di studio. Inoltre, da quest’anno il Progetto ha potuto avvalersi anche del supporto di Inwit – partner d’eccezione dell’edizione 2021 – con lo stanziamento di 2 ulteriori scholarship per l’iscrizione e la frequenza di un percorso triennale e di una magistrale a ciclo unico alla Luiss. 
I premiati sono: l’Istituto Penale Minorile di Firenze classificato al terzo posto con il progetto “La mia verità”; l’Istituto Superiore “Europa” di Pomigliano d’Arco con il lavoro dal titolo: “Figli dei fuochi” secondo, a pari merito con l’IIS “Duni-Levi” di Matera, con il progetto “Un mondo quasi perfetto”. 

Al primo posto, l’Istituto d’Istruzione Superiore “Melchiorre Dèlfico – Guido Montauti” di Teramo, con il lavoro dal titolo: “Il Gioco d’azzardo come ipotesi di autoriciclaggio”