Home Didattica Mangiare a scuola è formativo, i docenti lo sappiano

Mangiare a scuola è formativo, i docenti lo sappiano

CONDIVIDI
  • GUERINI

Il tempo passato a mensa deve essere considerata a tutti gli effetti didattica e formazione.

Ne è convinta la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli: lo ha fatto sapere parlando il 3 aprile a Bologna dell’importanza della refezione scolastica al convegno ‘Nutrire insieme il futuro’: “il tempo in cui i bambini mangiano a scuola deve diventare tempo effettivamente didattico”., ha detto sul palco della sala ‘Guido Fanti’ del palazzo che ha ospitato l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

Icotea

“È necessario che diventi un punto di didattica e di formazione per i nostri ragazzi, insegnanti e genitori. Avere stili di vita nuovi e diversi contrastano e prevengono le patologie che i ragazzi rischiano di subire con un’alimentazione scorretta”, ha continuato Fedeli.

 

{loadposition carta-docente}

 

La responsabile del Miur ha poi voluto sottolineare la delicatezza del disegno di legge presentato dalla senatrice Pd Leana Pignedoli per assicurare qualità e controlli nelle mense scolastiche.

“Sono la seconda firmataria – ha ricordato Fedeli – il ddl lo stanno già discutendo in commissione Agricoltura, ma vorrei che si facesse un incontro anche fra i capigruppo delle commissioni Istruzione e cultura e Sanità: questo ddl deve puntare ad avere il consenso interministeriale e interpartitico”.

 

La TECNICA DELLA SCUOLA – ente accreditato Miur – ti propone un corso in presenza a Viagrande (CT) “DALLA SCUOLA ALLA TAVOLA. Promuovere la salute attraverso l’educazione alimentare
e la comprensione del rapporto del cibo con il benessere fisico e psichico”.

 

CLICCA (QUI) PER LA SCHEDA COMPLETA DEL CORSO