Home Attualità Maturità 2019, come predisporre il documento del 15 maggio

Maturità 2019, come predisporre il documento del 15 maggio

CONDIVIDI

Nel dibattito di questi mesi sul nuovo esame di Stato, un punto certo è il Documento del Consiglio di classe, che, secondo l’O.M. 205 dello scorso 13 Marzo, esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che lo stesso consiglio di classe ritenga utile e significativo ai fini dello svolgimento dell’esame.

Esami di Stato 2019: come predisporre il documento del 15 maggio

La predisposizione del Documento richiede quest’anno particolare attenzione da parte di tutto il consiglio di classe, in quanto esso costituisce il punto di riferimento ineludibile e la guida per la commissione, sia per la predisposizione della seconda parte della seconda prova presso gli Istituti Professionali, sia per la predisposizione dei descrittori della griglia di valutazione della prima e della seconda prova scritta e degli indicatori e dei descrittori della griglia di valutazione per il colloquio, sia, ancora, per la scelta dei materiali da inserire nelle tanto discusse buste, dalle quali ogni candidato estrarrà, da una terna, lo spunto di avvio al colloquio.

Il percorso formativo, dal quale il consiglio di classe individua contenuti, metodi, mezzi, spazi e tempi, ha come punto di riferimento il Profilo Educativo, Culturale e Professionale (PECUP) dell’indirizzo per il quale lo studente si prepara a conseguire il diploma. Il PECUP per i Licei è quello delineato dalle Indicazioni Nazionali e per gli Istituti Tecnici e Professionali è quello delineato dalle Linee Guida.

ICOTEA_19_dentro articolo

Volendo presentare nel Documento, in una tabella sinottica, il percorso formativo effettivamente svolto dal consiglio di classe, seguendo le indicazioni dell’Ordinanza, a sinistra si potrebbero inserire le competenze enucleate nel PECUP dell’indirizzo interessato, subito dopo i nuclei concettuali delle discipline curriculari, le esperienze, i progetti, le attività che sono stati scelti e svolti nel corso dell’anno scolastico, infine le metodologie, gli spazi e i tempi di realizzazione.

Esami di Stato 2019: progetti e percorsi da inserire nel documento del 15 maggio

Il documento esplicita, ancora, le attività, i percorsi e i progetti svolti nell’ ambito di Cittadinanza e Costituzione, realizzati in coerenza con gli obiettivi del PTOF, cioè tutte le attività che di solito si svolgono nella scuola in orario pomeridiano e che sono comunemente denominate extracurriculari, in quanto aggiuntive a quelle proprie del curricolo. In realtà queste attività, quali ad esempio, attività di volontariato, viaggi di istruzione, teatro, cineforum, progetti sulla legalità, altro,  fanno parte del curricolo di istituto e sono state selezionate, o almeno dovrebbero essere state selezionate dal Collegio dei docenti  per contribuire a far raggiungere agli studenti i traguardi individuati nel Piano Triennale dell’offerta Formativa.

Il Documento esplicita anche le modalità con le quali l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera è stato attivato con metodologia CLIL, allo scopo di favorire modalità comunicative non standardizzate.

Documento del 15 maggio esami di Stato 2019: cosa allegare

Al documento possono essere allegati eventuali atti e certificazioni relativi alle prove effettuate e alle iniziative realizzate durante l’anno in preparazione dell’esame di Stato, ma anche ai percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. Da segnalare l’importanza della simulazione del colloquio da parte dei consigli delle quinte classi con una doppia finalità: far scaricare un po’ di adrenalina ai candidati attraverso una “prova generale” e fare esercitare i docenti e il dirigente su questa nuova formula degli esami.

Il dirigente simulerà la figura del presidente della commissione, i tre docenti commissari interni saranno quelli già designati e tre docenti di altri indirizzi e/o sezioni fungeranno da commissari esterni. Da seguire con attenzione la procedura della scelta dei materiali da inserire nelle buste in un tempo predisposto e appositamente dedicato.

DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO: SCARICA IL PDF

 

ORDINANZA MIUR

IL DECRETO

GLI ALLEGATI

Tutto sulla maturità (clicca qui)

GUIDA AI NUOVI ESAMI DI STATO
Dal Documento del 15 Maggio al colloquio
Corso online in modalità webinar

LEGGI ANCHE

Maturità 2019, prima prova: la storia non è scomparsa
Maturità 2019, chi ha l’obbligo di presentare la domanda a commissario esterno
Maturità 2019, all’orale spauracchio buste. Tutte le info
Maturità 2019, dal 27 marzo al 12 aprile le domande per commissari esterni
Maturità 2019, criteri di nomina dei commissari. La nota del Miur
Maturità 2019, la tabella di conversione dai voti ai crediti scolastici
Esami di maturità 2019, ecco chi potrà aspirare al bonus di 5 punti
Esami di maturità 2019, prove Invalsi non valide per ammissione ma si devono fare
Maturità 2019, indicazioni per gli alunni Dsa
Maturità 2019, le indicazioni per gli studenti disabili
Maturità 2019, prove scritte ed orale: tutte le date