Home Personale Maturità 2020, nel Decreto Rilancio 4.500 euro a istituto per la pulizia...

Maturità 2020, nel Decreto Rilancio 4.500 euro a istituto per la pulizia delle scuole

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’art. 231 del cd. Decreto Rilancio (DL 34/2020) prevede che per garantire il corretto svolgimento degli esami di Stato per l’anno scolastico 2019/2020, assicurando la pulizia degli ambienti scolastici secondo gli standard previsti dalla normativa vigente e la possibilità di utilizzare, ove necessario, dispositivi di protezione individuale da parte degli studenti e del personale scolastico durante le attività in presenza, il Ministero dell’istruzione assegnerà tempestivamente alle istituzioni scolastiche statali e paritarie, che sono sede di esame di Stato, apposite risorse finanziarie tenendo conto del numero di studenti e di unità di personale coinvolti. Per tali finalità sono stanziati euro 39,23 milioni nel 2020 sui pertinenti capitoli del fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche e delle scuole paritarie.

Come abbiamo già evidenziato in un altro articolo, di questa cifra circa 3,2 milioni di euro saranno destinati all’acquisto di mascherine chirurgiche per il personale, la commissione e gli studenti.

I restanti 36 milioni di euro saranno invece stanziati per gli interventi di pulizia. I plessi totali, tra scuole statali e paritarie, sono 8.006. questo significa che ogni istituto riceverà 4.500 euro da destinare alle operazioni di igienizzazione.

ICOTEA_19_dentro articolo

In proposito, il Documento tecnico elaborato dal Comitato tecnico Scientifico per lo svolgimento degli esami in Sicurezza prevede un paragrafo dedicato alle misure di pulizia e di igienizzazione.

In via preliminare il Dirigente scolastico assicurerà una pulizia approfondita, ad opera dei collaboratori scolastici, dei locali destinati all’effettuazione dell’esame di stato, compresi androne, corridoi, bagni, uffici di segreteria e ogni altro ambiente che si prevede di utilizzare.

La pulizia approfondita con detergente neutro di superfici in locali generali (vale a dire per i locali che non sono stati frequentati da un caso sospetto o confermato di COVID-19) è una misura sufficiente nel contesto scolastico, e non sono richieste ulteriori procedure di disinfezione; nella pulizia approfondita si dovrà porre particolare attenzione alle superfici più toccate quali maniglie e barre delle porte, delle finestre, sedie e braccioli, tavoli/banchi/cattedre, interruttori della luce, corrimano, rubinetti dell’acqua, pulsanti dell’ascensore, distributori automatici di cibi e bevande, ecc.

Alle quotidiane operazioni di pulizia dovranno inoltre essere assicurate dai collaboratori scolastici, al termine di ogni sessione di esame (mattutina/pomeridiana), misure specifiche di pulizia delle superfici e degli arredi/materiali scolastici utilizzati nell’espletamento della prova.

È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti (dispenser di soluzione idroalcolica) per i candidati e il personale della scuola, in più punti dell’edificio scolastico e, in particolare, per l’accesso al locale destinato allo svolgimento della prova d’esame per permettere l’igiene frequente delle mani.

LEGGI ANCHE:

Decreto Rilancio in Gazzetta: concorsi, sicurezza alla Maturità, edilizia scolastica tra le misure per le scuole

ALTRI ARTICOLI SULLA MATURITA’

Preparazione concorso ordinario inglese