Home Attualità Maturità 2021: esperienze Erasmus nel curriculum dello studente

Maturità 2021: esperienze Erasmus nel curriculum dello studente

CONDIVIDI

Formazione iniziale e in servizio degli insegnanti, partenariati scolastici, mobilità dei docenti e dei ragazzi, mobilità di gruppo e individuale, di breve termine (per pochi giorni o settimane) o lunga, di un anno scolastico. Sono moltissime e preziose le opportunità che il Programma Erasmus plus offre alle scuole. Esperienze, peraltro, che potrebbero anche entrare nel Curriculum dello studente ai fini dell’esame di maturità.

Erasmus, lo ricordiamo, è il programma dell’Unione europea nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, per il periodo 2021-2027. Ne abbiamo parlato nella diretta della Tecnica della Scuola Live di giovedì 20 maggio. Ospite Sara Pagliai, coordinatrice Agenzia nazionale Erasmus + Indire.

Icotea

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

La stessa sottosegretaria all’istruzione Barbara Floridia di recente ha chiarito la propria posizione sul Curriculum dello studente, dichiarando che il documento dovrebbe raccogliere “attività messe a disposizione dagli istituti scolastici e liberamente fruibili da parte degli studenti”. In caso contrario, qualora valessero, come di fatto in questo momento valgono, le attività private a pagamento, ciò comporterebbe una discriminazione nei confronti di chi non potesse permettersele.

Il progetto Erasmus, dunque, in quanto attività messa a disposizione dalle scuole e parzialmente finanziata dall’Europa (sebbene, spiega Sara Pagliai, una minima parte resti a carico delle famiglie), risponderebbe al criterio citato dalla sottosegretaria Floridia. In altre parole, comunque si voglia intendere il Curriculum dello Studente, le esperienze Erasmus potrebbero entrare a far parte a pieno titolo della maturità, quindi della valutazione di fine percorso scolastico.

Novità per la scuola

Erasmus+ 2021 introduce alcune importanti novità per la scuola rispetto al programma precedente:

  • Rientrano nei progetti finanziati con l’Azione Chiave 1, sia la mobilità del personale della scuola che quella degli alunni (finora all’interno dei partenariati), con varie attività possibili: corsi di formazione, job-shadowing, mobilità di un gruppo di alunni o di una classe presso una scuola europee; è inoltre possibile invitare esperti e ospitare docenti in formazione, organizzare visite preparatorie propedeutiche ad altre attività del progetto
  • All’interno dell’Azione Chiave 1, per gli studenti delle scuole è possibile la mobilità individuale per un periodo di studio in una scuola ospitante in un paese del programma, per un breve periodo o fino all’intero anno scolastico
  • Accreditamento per progetti di mobilità: uno strumento che permette a scuole e consorzi di candidarsi con un Piano Erasmus di mobilità valido per tutta la durata del programma e presentare alla scadenza annuale solo una richiesta di budget.
  • La possibilità di presentare progetti di mobilità di breve termine (da 6 a 18 mesi) apre la strada alla partecipazione di nuove scuole, con progetti più semplici da gestire
  • Oltre ai partenariati di cooperazione, l’azione Chiave 2 introduce i partenariati su piccola scala che grazie a regole semplici, durata breve e finanziamenti ridotti rendono Erasmus+ più accessibile anche a istituti e organizzazioni che non hanno esperienza di progettazione europea.

LEGGI ANCHE