Mobilità 2021: precari o immobilizzati, occorre una soluzione [VIDEO]

CONDIVIDI
  • Credion

Le soluzioni adottate nel corso degli anni per affrontare il tema del precariato – Ssis, Tfa, concorso ordinario, straordinario e piano straordinario di assunzioni – hanno solo in parte risolto in problema, considerato che, dopo gli interventi “straordinari”, non è stato messo a regime un meccanismo di reclutamento adeguato.

Il braccio di ferro tra precari ed immobilizzati

Se da un lato i precari ambiscono alla stabilizzazione, dall’altro i docenti già di ruolo – anche da diversi anni – pressano per potersi riunire alle famiglie presso i luoghi di residenza.

Icotea

Dopo il piano straordinario di assunzioni varato dalla legge sulla “Buona scuola” del 2015, con l’assunzione di circa 100 mila nuovi docenti per rispondere ai rilievi degli organismi comunitari, un cospicuo numero di questi nuovi docenti, nonché moltissimi “vecchi” immessi in ruolo, sono infatti rimasti bloccati non riuscendo più, ed ormai sono passati già sei anni dalla legge 107, ad ottenere il trasferimento.

I docenti “immobilizzati”

Assunti in gran parte molto lontano dai luoghi di residenza, questi docenti “immobilizzati” rivendicano un qualche tipo di priorità nelle procedure di mobilità, rispetto ai docenti con minore anzianità di ruolo, per potersi riunire ai propri familiari.

L’attuale ripartizione delle aliquote tra mobilità territoriale, professionale e nuove assunzioni, prevista dal CCNI sulla mobilità, non risponde però adeguatamente alle istanze dei docenti che aspirano al trasferimento, dato che solo il 25% delle sedi disponibili viene destinato alla mobilità territoriale, a fronte di previsioni legislative che dispongono nel senso di consentire le nuove assunzioni solo sulle sedi residue dopo le operazioni di mobilità.

Si prospetta una nuova generazione di immobilizzati

Come se non bastasse, un’altra categoria di nuovi immobilizzati si profila all’orizzonte.

Con l’introduzione del vincolo quinquennale per i docenti assunti dal concorso di cui al DDG 85/2018 con decorrenza 1.09.2019 e dei nuovi assunti dall’1.09.2020, una nuova categoria di “immobilizzati” si aggiunge infatti ai vecchi immessi in ruolo, rimasti bloccati per anni lontano dai propri affetti familiari.

Al momento nessuna seria ipotesi di modifica normativa

Solo un intervento legislativo potrà porre rimedio sia al problema dei vecchi immobilizzati che dei nuovi docenti vincolati per almeno cinque anni.

Ad oggi tuttavia, nonostante le manifestazioni di disponibilità ad affrontare il problema, la soluzione ancora non è stata messa in campo, se non una proposta di limitare il disagio consentendo a neo immessi in ruolo, quantomeno, la possibilità di chiedere l’assegnazione provvisoria.

Occorre quindi una presa di posizione forte – e soprattutto seria – per dare la giusta risposta, contemperando i rispettivi interessi, a chi rivendica il diritto a ricongiungersi con le proprie famiglie e chi rivendica, altrettanto legittimamente, di essere immesso in ruolo dopo anni di precariato.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

LEGGI ANCHE