Home Personale Mobilità, in arrivo la firma del contratto. Ecco le date per presentare...

Mobilità, in arrivo la firma del contratto. Ecco le date per presentare domanda di trasferimento

CONDIVIDI

Mercoledì 7 marzo le organizzazioni sindacali sono convocate al Miur per la sottoscrizione definitiva del contratto relativo alla mobilità per l’a.s. 2018/19.

Dopo la firma l’amministrazione centrale emanerà l’ordinanza applicativa che darà corso alle relative operazioni. Le domande di trasferimento e di passaggio dei docenti dovranno essere presentate dal 3 al 26 aprile. Per istanze di mobilità del personale Ata i termini andranno dal 23 aprile al 14 maggio.

La tempistica, secondo quanto risulta a Italia Oggi, sconta il ritardo tecnico dell’Inps nel mettere a posto le posizioni contributive, dopo il passaggio di competenze dovuta alla soppressione dell’Inpdap. Che sta rallentando le procedure di comunicazione dei nominativi dei docenti e dei non docenti che andranno in pensione dal 1° settembre.

Novità

Tra le novità più importanti, valide solo per il 2018/2019, il fatto che l’individuazione dei soprannumerari sui posti di sostegno nella scuola superiore sarà effettuata previa compilazione di una graduatoria unica. I docenti di sostegno delle scuole superiori, dunque, saranno trattati secondo il criterio della fungibilità dell’insegnamento, così come avviene nelle scuole secondarie di I grado.

Il nuovo contratto prevede che la contrattazione integrativa sulla mobilità si svolgerà con cadenza triennale. E in tale sede saranno pattuite le procedure e i criteri generali per la mobilità professionale e territoriale, fatte salve le disposizioni di legge.

Icotea

Allegati da presentare

Così come già scritto da La Tecnica della Scuola, l’ultima sezione del modello di domanda per la mobilità è denominata “indicazioni allegati”, in tale sezione si dovranno aggiungere gli allegati e le dichiarazioni personali per consentire la valutazione del punteggio della mobilitàNello specifico nella domanda di trasferimento è obbligatorio allegare la dichiarazione dell’anzianità di servizio, questa dichiarazione va compilata utilizzando l’allegato D che si trova sul sito del Miur nell’apposita sezione della mobilità , poi, per chi ha almeno un triennio di servizio continuativo nella stessa scuola, c’è da redigere la dichiarazione della continuità, in tal caso si compila l’allegato F riferito all’ anzianità di servizio di ruolo (almeno 3 anni) prestato senza soluzione di continuità nella classe di concorso e nell’istituto di titolarità.

Per beneficiare del punteggio relativo alle esigenze di famiglia, è obbligatorio allegare una dichiarazione personale, ai sensi dell’art. 46 e successivi del D.P.R. 28.12.2000, n. 445 e successive modifiche e integrazioni, che attesti la residenza o il luogo di cura del familiare, il grado di parentela con esso, il numero dei figli, la loro data e luogo di nascita.

La dichiarazione personale suddetta può essere anche cumulativa, quindi è possibile anche attestare, oltre le esigenze di famiglia, il possesso di altri titoli valutabili, come ad esempio il concorso ordinario per esami e titoli di livello pari o superiore al ruolo di titolarità, le specializzazioni biennali, i corsi di perfezionamento o master annuali di 1500 ore e 60 CFU, altre lauree oltre quella di accesso al ruolo di titolarità, dottorato di ricerca, corsi CLIL, senza doverli presentare con certificazione. Per beneficiare del punteggio aggiuntivo di 10 punti “una tantum” è obbligatorio dichiarare il triennio, compreso tra il 2000/2001 e il 2007/2008, in cui il docente non ha presentato domanda volontaria di trasferimento o passaggio in ambito provinciale dalla scuola in cui, almeno dall’anno precedente, si era già titolari.

Per le varie precedenze previste ai sensi dell’art.13 del CCNI della mobilità 2017/2018, è obbligatorio attestare il possesso dei requisiti sempre con documentazione o dichiarazione sostitutiva. In particolar modo per la legge 104/92, occorre produrre specifica certificazione medica della commissione medica, presentandola anche in formato cartaceo all’ATP della provincia di titolarità, che di fatto è l’ufficio scolastico presso cui verrà inviata, e successivamente valutata, la domanda di mobilità.