Home Personale Mobilità: La preferenza della provincia può essere penalizzante

Mobilità: La preferenza della provincia può essere penalizzante

CONDIVIDI
  • Credion

Riguardo le 15 preferenze da potere esprime sulla domanda di mobilità, bisogna sapere che chiedere un’intera provincia potrebbe risultare penalizzante.

Se per esempio un docente che si trova titolare a Milano, vuole rientrare in Calabria con la domanda di trasferimento, potrà esprimere fino a un massimo di 5 scuole, ma poi non riuscirebbe a chiedere tutti gli ambiti della Calabria che sono 13, in quanto avrebbe a disposizione solo altre 10 preferenze tra ambiti e province.

Icotea

Infatti è utile ricordare che il massimo delle preferenze esprimibili nella domanda di mobilità, sono 15, di cui al massimo 5 preferenze puntuali di scuole e altre 10 tra ambiti e province. Ovviamente si possono esprimere anche solamente le 5 preferenze di scuola, anche di scuole che si trovano su ambiti differenti, anche di scuole di province o regioni differenti, oppure è anche possibile esprimere 15 preferenze di soli ambiti o di ambiti e province, senza esprimere alcuna scuola. In buona sostanza l’unico limite è quello di un massimo di 5 scuole e di un massimo di 15 preferenze.

Quindi se il docente dell’esempio precedente vuole coprire tutto il territorio calabrese, dovrà rinunciare, o a qualche preferenza puntuale di scuola, oppure dovrà inserire oltre gli ambiti anche qualche provincia.

Nel caso si decidesse di inserire, all’atto della domanda di mobilità, la preferenza sintetica di una provincia, bisogna sapere una cosa importantissima. Infatti chi inserisce la preferenza sintetica provincia, ai sensi dell’art.6 comma 5, se non soddisfatto nelle preferenze di scuola o di ambito espresse prima della preferenza sintetica della provincia, il docente otterrà la titolarità su un ambito della provincia secondo la catena di prossimità tra gli ambiti della stessa provincia, quindi al docente viene assegnato il primo ambito disponibile secondo l’ordine risultante dalla tabella di prossimità, salvo che il medesimo sia stato richiesto da altro aspirante , anche con un punteggio inferiore, tuttavia mediante un indicazione puntuale. In tale ipotesi, poiché con la preferenza sintetica della provincia si richiedono indifferentemente tutti gli ambiti territoriali in essa compresi, il primo ambito con posto disponibile è assegnato al docente che lo ha richiesto con indicazione puntuale sia pure con punteggio inferiore ed al docente che ha espresso la preferenza sintetica viene assegnato il successivo ambito disponibile della provincia.