Home Didattica Niente benedizioni pasquali a scuola

Niente benedizioni pasquali a scuola

CONDIVIDI

Accolto il ricorso presentato da alcuni genitori e insegnanti: “Affermata la laicità della scuola”, è il commento che si declama da parte dei vincitori del ricorso

Il Tar dell’Emilia-Romagna, accogliendo il ricorso di alcuni insegnanti e genitori, ha annullato la delibera con cui il consiglio di un istituto di Bologna aveva autorizzato le benedizioni pasquali. Quest’ultime erano state chieste dai parroci ma l’ok del consiglio aveva creato non poche polemiche. L’autorizzazione prevedeva che le benedizioni dovessero avvenire in orario extrascolastico.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“Con l’accoglimento del nostro ricorso si è affermato un principio importantissimo, non solo per la scuola di Bologna, ma per la scuola italiana”. E’ il commento dei promotori del ricorso al Tar. “L’indicazione è estremamente chiara: la scuola è laica. A scuola si insegna a vivere insieme, si fa cultura. Le pratiche religiose restano fuori. E’ stato affermato un principio della Costituzione”.