Home Personale Orario docenti, tocca il giorno libero ma è opportuna la rotazione

Orario docenti, tocca il giorno libero ma è opportuna la rotazione

CONDIVIDI

L’orario scolastico settimanale dei docenti deve essere distribuito in non meno di 5 giorni settimanali, quindi, come è usuale, tocca il giorno libero settimanale per ogni docente.  Per quanto riguarda il giorno libero dei docenti sarebbe opportuna una rotazione annuale dei giorni liberi più richiesti come il sabato o il lunedì.

Normativa sul giorno libero dei docenti

L’art.131 del testo unico d.lgs. 297/94 e l’art.28 comma 5 del Ccnl 2006-2009 sono le norme vigenti che regolano l’orario scolastico settimanale dei docenti. Nell’art.131 comma 3 è scritto quanto segue:” l’orario settimanale di insegnamento di ciascun docente deve essere distribuito in non meno di cinque giorni la settimana”, e questo è riportato anche nell’art.28 dell’ultimo Contratto nazionale della scuola.

Il giorno libero dei docenti è divenuta una consuetudine consolidata e diffusa che, come tale, è giuridicamente riconosciute, ai sensi dell’art.2078 del codice civile sull’efficacia degli usi. È utile sottolineare che in mancanza di disposizioni di legge specifiche e di contratto collettivo si applicano agli usi più favorevoli ai prestatori di lavoro, per cui il combinato dell’art.131 del d.lgs.297/94 e dell’art.28, comma 5, del CCNL scuola 2006/2009, in aggiunta all’art.2078 del codice civile, dà diritto ai docenti di avere assegnato un giorno libero settimanale.

ICOTEA_19_dentro articolo

Opportuna rotazione per i giorni liberi

Non è opportuno che in una scuola alcuni docenti abbiano il privilegio di avere sempre lo stesso giorno libero da innumerevoli anni. I giorni liberi più richiesti dai docenti sono il sabato, in cui di norma non esistono impegni collegiali il pomeriggio, oppure il lunedì che sono i giorni vicini alla festività della domenica. Un altro giorno libero richiesto è il mercoledì che notoriamente allunga di ben 2 giorni le vacanze pasquali.

Il martedì e il venerdì sono i due giorni liberi meno richiesti e che molto spesso vengono assegnati a quei docenti che non esprimono desiderata o che pur esprimendola non vengono accontentati.

Sarebbe opportuno per un discorso di correttezza istituzionale operare, sugli orari scolastici e in particolare sul giorno libero, il principio della rotazione. Applicando tale principio si eviterebbe che gli stessi insegnanti abbiano da lustri, se non da decenni, lo stesso giorno libero, mentre altri rimarrebbero sempre scontentati.