Home Personale Organici ATA, niente soprannumeri ma al Sud ci saranno meno posti

Organici ATA, niente soprannumeri ma al Sud ci saranno meno posti

CONDIVIDI
  • Credion

Nella giornata del 4 giugno si è tenuto l’incontro fra Miur e sindacati in merito agli organici ATA 2018/2019. Quello che emerge è che ci saranno meno posti, così come per il personale docente. Infatti, a fronte di un decremento di 21.000 alunni circa (già analizzato nel caso dei docenti) non ci saranno soprannumerari né tagli, riporta la Flc Cgil, perché ci saranno compensazioni fra regioni che lasceranno invariato il numero totale in organico.

Manca ancora il dato, sui DSGA che sarà fornito a seguito della ricognizione delle scuole normodimensionate (entro il 12 giugno).

Icotea

Per quanto riguarda l’attribuzione dei posti, in ragione del decremento sono state fatte 2 ipotesi di calcolo sulla base del 75% dei posti da detrarre alle regioni con diminuzione di alunni e con organico negativo e del 25% dei posti sulla base delle regioni con dato positivo.

Nei prossimi giorni il Ministero invierà ai sindacati la bozza di circolare con le scelte presentate prima dell’invio agli USR e UST.

Ma al Sud ci saranno meno posti?

Dalle tabelle riportate dal sindacato Snals, si evidenzia però il fatto che ci saranno 140 posti in meno di assistente amministrativo e 385 di collaboratore scolastico. Invariata la dotazione organica degli Assistenti tecnici. Per i DSGA, come già accennato, momentaneamente non risultano decrementi ma il dato è sotto osservazione in quanto soltanto intorno alla metà di giugno si saprà il numero delle scuole sottodimensionate e quindi il numero effettivo di posti.

Complessivamente si evince che la dotazione degli organici di tutti i profili ATA sarà di 203.456, che se confrontati con i dati del 2011/12 ci accorgiamo che ci saranno il prossimo anno ben 3.667 posti in meno.

I tagli maggiori potrebbero essere al Sud: Campania, Sicilia, Puglia, Calabria, Basilicata e Sardegna perdono più posti rispetto alle regioni del Nord. Infatti, in queste regioni, nonostante le compensazioni di cui sopra, potrebbe continuare a diminuire il numero di lavoratori ATA.

LEGGI LA TABELLA DEI DATI PER REGIONE E PROFILO