Home Personale Pensioni, i 40enni di oggi rischiano di lasciare il lavoro a più...

Pensioni, i 40enni di oggi rischiano di lasciare il lavoro a più di 70 anni!

CONDIVIDI

La Cgil lancia l’allarme: i 40enni di oggi, cioè tutti coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni.

Secondo le proiezioni del sindacato, in base alla riforma Fornero tutti coloro che vogliono andare in pensione nel 2035 prima dei 70 anni dovranno aver versato almeno 20 anni di contributi. In quel modo, potranno ottenere una pensione di importo superiore agli attuali 687 euro.

Se invece vogliono andare in pensione a 66 anni, nel 2035, tutti coloro inseriti nel regime contributivo puro dovranno avere 20 anni di anzianità e una pensione non inferiore ai 1.282 euro di oggi.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il sindacato chiede di creare una pensione di garanzia, un equilibrio tra contributi e vecchiaia (mille euro a chi ha 66 anni di età e 42 di anzianità).

Da segnalare che nella previsione della Cgil dovranno essere compresi nel suddetto periodo contributivo gli stage, l’assistenza ai familiari e il tempo impiegato per la ricerca del lavoro.