Home Personale Pensioni quota 100, l’allarme di Boeri (Inps): “Costerebbe dai 15 ai 20...

Pensioni quota 100, l’allarme di Boeri (Inps): “Costerebbe dai 15 ai 20 miliardi all’anno”

CONDIVIDI

Il tema delle pensioni è uno dei più caldi del momento. Fa discutere, soprattutto, la proposta del M5S-Lega della cosiddetta quota 100. Con questo meccanismo verrebbe data la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni dei contributi è almeno pari a 100.

Qualora  la normativa vigente, dovesse essere abrogata in tutto o in parte, così come hanno in mente M5S e Lega, i docenti che potrebbero avvalersene sarebbero più di 100 mila (invece di 25mila). Gli Ata, invece, oltre 47mila, rispetto ai 7-8mila ad oggi previsti, suddivisi per età e per anzianità.
Il dato non tiene conto di quanti potrebbero chiedere di cessare anticipatamente dal servizio ricorrendo all’Ape sociale, all’Ape volontaria o all’opzione donna o alle norme sui precoci e sui lavori usuranti.

Uscite importanti, con le quali si potrebbe creare lo spazio per sostanziose immissioni in ruolo nell’immediato futuro.

Icotea

fonte Italia Oggi

Quanto costerebbe la riforma delle pensioni a quota 100

Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, però, lancia l’allarme. Per andare in pensione con quota 100 tra età e contributi o 41 anni di contributi a qualsiasi età, si avrebbe “un costo immediato di 15 miliardi all’anno” per salire poi a regime a 20 miliardi. Il debito implicito sarebbe di 120 miliardi di euro.

Sul contratto di governo – ha spiegato Boeri – c’è una cifra diversa, 5 miliardi. Per arrivare a questa cifra ci sarebbe bisogno di inserire finestre che impongano un ritardo di 15 mesi”.

Di fatto quindi con questa quota superiore a 101 si potrebbero “ridurre i costi a 7 miliardi per il primo anno e a 13 miliardi a regime”. Si potrebbe poi, ha spiegato Boeri, “inserire una previsione secondo la quale potrebbero non essere considerati per il calcolo degli anni dei contributi quelli figurativi o i riscatti”.

“Bisognerebbe essere – ha detto – molto espliciti, avere l’onestà intellettuale di dire cosa vogliono fare e che cosa c’è e cosa non c’è esattamente in quota 100″.