Home Archivio storico 1998-2013 Personale Per le banche meglio essere insegnanti che medici

Per le banche meglio essere insegnanti che medici

CONDIVIDI

Dall’analisi delle tabelle raffigurate alla fine dell’articolo e riprese dal sito Mediaset TgCom24 riguardanti una ricerca, effettuata da Facile.it in collaborazione con Mutui.it, si può estrapolare il grado di fiducia di un ente erogatore di mutui nei confronti di alcune categorie di lavoratori. Si evidenzia in primo luogo che quasi l’11% degli insegnanti riesce a ottenere un mutuo, contro il 7,6% dei medici, inoltre tale mutuo per gli insegnanti copre il 54% del valore complessivo dell’immobile, mentre per i medici solo il 33%. 
Quindi si può affermare che la tanto bistrattata categoria degli insegnanti gode un’ottima fiducia dagli istituti di credito. Questa indagine dice anche qual è il valore dei prestiti concessi: ai dirigenti vanno quelli più elevati (la media è di 140mila euro). Seguono i liberi professionisti (131mila), mentre in terza posizione gli insegnanti (129mila euro). 
Operai e pensionati in fondo alla classifica: i primi per disponibilità economica limitata, i secondi per limiti di età, si devono accontentare rispettivamente di 108mila e di 100mila euro.

Professione                           Percentuale di mutui ottenuti sul totale delle domande
Quadro                                                         14,3%
Insegnante                                                   10,7%
Medico                                                           7,6%
Pensionato                                                   7,0%
Dirigente                                                        6,6%
Libero professionista                                 5,5%
Impiegato                                                      5,3%
Forze Armate                                                4,4%
Operaio                                                          3,5%

Icotea

Professione                               Percentuale erogata sul valore totale dell’immobile
Forze Armate                                                           63%
Operaio                                                                     61%
Impiegato                                                                58%
Insegnante                                                              54%
Libero professionista                                           39%
Quadro                                                                     39%
Dirigente                                                                  38%
Pensionato                                                              34%
Medico                                                                      33%