Home Personale Personale Ata penalizzato dalla legge di bilancio. Protesta la Cisl-Scuola

Personale Ata penalizzato dalla legge di bilancio. Protesta la Cisl-Scuola

CONDIVIDI

Anche la Cisl-Scuola prende posizione sulla legge di bilancio che – secondo la segretaria nazionale Maddalena Gissi, penalizzerebbe oltremodo il personale Ata.

Nessuna scelta chiara nella legge di bilancio

“Dalla legge – afferma Gissi – ci attendevamo scelte chiare in direzione del superamento di un modello che si può definire fallimentare, quello della esternalizzazione dei servizi di pulizia: non arrivano invece le risposte attese, con la sola limitatissima eccezione dei servizi affidati in provincia di Palermo. Niente invece per tutte le altre situazioni, e questo è  un fatto di gravità inaudita”.
“Come è noto – ricorda Gissi – il costo dell’affidamento dei servizi a ditte esterne è stato pagato con un pesante taglio di posti in organico. Ma non c’è stato alcun ritorno in termini di efficacia e di economicità, mentre sul versante della gestione del personale, non direttamente inserito nella pianta organica dell’istituto scolastico in cui lavora, non pochi sono i problemi difficili che si pongono, a partire da quello dell’esiguità, in molti casi, del numero di addetti rispetto al fabbisogno”.

Icotea

Chiudere con le esternalizzazioni

“L’esperienza delle esternalizzazioni – dichiara ancora la segretaria nazionale della Cisl Scuola- va chiusa, riconsegnando alle scuole i posti del personale Ata a suo tempo tagliati e con questi la garanzia di poter disporre per le proprie esigenze di personale interno, con tutte le garanzie che da questo discendono per la qualità del servizio e per i diritti del personale”.
“Quella a cui stiamo assistendo – conclude Gissi – non è certo una bella testimonianza di serietà, coerenza e coraggio”.

Dopo la netta presa di posizione sindacale di pochi giorni fa, il problema del personale Ata potrebbe insomma essere la goccia che fa traboccare il vaso: