Home Alunni Più di un alunno straniero su tre lascia dopo la secondaria di...

Più di un alunno straniero su tre lascia dopo la secondaria di primo grado

CONDIVIDI

Più di un terzo, il 35%, degli oltre 800 mila stranieri iscritti nelle scuole italiane è destinato a non andare oltre la licenza media, una percentuale che scende al 15% tra i giovani italiani tra i 18 e i 24 anni. 

I dati sono contenuti nella ricerca ‘Immigrazione e sindacato’ che cerca pure di capire le cause di queste difficoltà

Nonostante il lavoro minorile sia vietato per chi ha meno di 16 anni, i minori tra i 7 e i 15 anni con una qualche esperienza di lavoro sono stimabili in circa 340mila, il 7% della popolazione in quell’età.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition carta-docente}

 

Un altro motivo è l’apprendimento della lingua, visto che la lingua parlata in casa dai nuclei familiari di provenienza straniera è anche l’italiano in meno di 4 casi su 10 (38,5%), un valore che si abbassa al 30,9% nei nuclei familiari con figli che hanno meno di 5 anni e che si alza, viceversa, dove ci siano figli più grandi e scolarizzati che portano a casa il cosiddetto ‘italiano filiale’.

Questi handicap in ingresso e il lavoro precoce contribuiscono a determinare i numeri delle bocciature/ripetenze.

I ripetenti stranieri nella scuola primaria sono l’1,4% (0,2% gli italiani), il 7,5% nella scuola media (2,7% gli italiani), il 12,8% nella secondaria di secondo grado (7,1% gli italiani).

In ogni grado di scuola sono in maggiore svantaggio i nati all’estero rispetto ai nati in Italia. E l’integrazione, come tutte le sfide più importanti, parte sempre dall’educazione.