Home Generale Progetto TRIS, modello technology-based di didattica inclusiva

Progetto TRIS, modello technology-based di didattica inclusiva

CONDIVIDI
  • Credion

Il progetto TRIS è lo sviluppo operativo dell’accordo quadro siglato nel 2013 da MIUR (Dip. Istruzione), Consiglio Nazionale delle Ricerche e Fondazione Telecom Italia, finalizzato a sperimentare soluzioni innovative per l’inclusione scolastica degli studenti impossibilitati alla normale frequenza delle lezioni. La sperimentazione è coordinata dall’Istituto Tecnologie Didattiche del CNR. Il progetto intende mettere a punto e sperimentare un modello technology-based di didattica inclusiva attraverso:

1. lo studio e la sperimentazione di settings tecnologici (lato studente e lato aula/scuola) e approcci didattico-metodologici finalizzati all’inclusione dei giovani svantaggiati all’interno di processi di apprendimento attivi e collaborativi;

Icotea

2. la definizione, l’allestimento e la sperimentazione di un sistema network-based di supporto sia all’attività didattica sia alla comunicazione fra coloro che sono a diretto contatto con lo studente homebound (insegnanti, compagni di classe, genitori) anche in una prospettiva sistemica orientata a seguire il caso (o i casi) per un intero ciclo scolastico, meglio se in grado anche di favorire il transito fra un ciclo e il successivo;

3. la messa a punto e al sperimentazione di specifici strumenti e metodi formativi (formali e informali) del docente di ogni ordine e grado di scuola mirato all’uso flessibile e consapevole delle tecnologie, finalizzato a dare risposte ai bisogni differenziati degli alunni, compresi e non solo quelli cosiddetti “speciali”, e alle diverse modalità di apprendimento da loro espressi.