Home Alunni Progetto Unicef-Miur: Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti

Progetto Unicef-Miur: Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti

CONDIVIDI

Anche per l’anno scolastico 2019/2020 è prevista la prosecuzione del Progetto “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”, promosso nell’ambito delle iniziative previste dal Protocollo d’intesa tra MIUR e UNICEF, con l’obiettivo di favorire la conoscenza e l’attuazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel contesto educativo.

Il 20 novembre 2019 ricorrono infatti i 30 anni dall’approvazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Con il Progetto Scuola Amica vengono proposte alle scuole attività condotte con metodologie e criteri organizzativi che aiutano i bambini e i ragazzi a maturare la consapevolezza di sé e l’autostima, la motivazione, la capacità di giudizio e il senso critico. Vengono inoltre sostenute esperienze in cui l’esercizio del diritto ad apprendere richiede anche la capacità di assumere personali responsabilità, stabilire relazioni interpersonali positive, raggiungere le competenze di cittadinanza.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per aderire al Progetto le scuole dovranno formalizzare la loro adesione collegandosi al sito www.unicef.it/progettounicefmiur compilando l’apposito modulo on-line entro e non oltre il 10 ottobre 2019. Nella sezione del sito di UNICEF Italia dedicata alla scuola (www.unicef.it/scuola) gli istituti potranno accedere alle proposte educative UNICEF che potranno arricchire il percorso proposto dal Progetto.

A conclusione dell’anno scolastico, nel mese di maggio 2020, le Istituzioni scolastiche che hanno partecipato al Progetto dovranno consegnare alle rispettive Commissioni il lavoro realizzato predisponendo: il Protocollo Attuativo, la Relazione finale
(utilizzando lo Schema delle buone pratiche) e gli eventuali prodotti realizzati.

Entro il mese di giugno 2020 le suddette Commissioni dovranno inviare ai referenti territoriali del MIUR e dell’UNICEF l’elenco delle scuole che hanno ottenuto il riconoscimento.

CONDIVIDI