Home Archivio storico 1998-2013 Generico Protocollo d’intesa tra Mpi e Lav

Protocollo d’intesa tra Mpi e Lav

CONDIVIDI
  • Credion
Anche in considerazione del fatto che era già stato stipulato nell’ottobre del 1999 un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione (lspettorato educazione fisica e sportiva – Coordinamento delle attività per gli studenti) e la Lav, successivamente rinnovato l’11 marzo 2003, e che è in crescita il numero degli Uffici scolastici regionali che sulla base di quello nazionale siglano con la Lega antivivisezione accordi a carattere regionale, il Mpi e la Lav nel rispetto dei propri ruoli istituzionali e associativi, si impegnano a promuovere per le scuole attività dedicate al rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi, avviando iniziative formative comuni tese a sensibilizzare docenti e studenti.
In particolare, il Ministero della Pubblica Istruzione intende: favorire la diffusione e l’approfondimento dei temi dell’educazione al rispetto di tutti gli esseri viventi nelle scuole di ogni ordine e grado; collaborare alla promozione delle proposte educative della Lav nelle scuole; predisporre spazi nel sito internet ministeriale per il collegamento con il sito della Lav.
La Lav, a sua volta, si impegna ad avviare iniziative volte ad informare gli insegnanti sul legame tra la violenza verso gli esseri umani e quella verso gli animali, a collaborare con le scuole per prevenire ed intervenire nei casi di maltrattamento di animali, a fornisce supporti didattici e/o materiale informativo a titolo gratuito attraverso il sito web dell’Associazione e attraverso le proprie articolazioni periferiche per promuovere l’educazione al rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi attraverso percorsi didattici basati anche sulla creazione di situazioni ludiche che permettano ai ragazzi di riflettere sul loro rapporto con gli animali. La Lav, inoltre, intende diffondere le “norme sull’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale”, di cui alla legge 413/93.
Per l’attuazione dell’intesa, che ha validità triennale e può essere rinnovata alla scadenza, e per il monitoraggio degli interventi attivati sarà istituito una commissione mista paritetica, coordinata dalla Direzione generale per lo studente.